Istat: al Sud Pil pro capite è la metà del Nord-Ovest

pil pro capite

Il Pil pro capite nel Sud Italia registrato dall’Istat nell’anno 2017 è di 18.500 euro, ovvero circa la metà di quello del Nord-Ovest, dove le rilevazioni danno come dato 35mila e 400 euro. L’istituto di statistica sottolinea comunque che il differenziale negativo del Sud è in crescita rispetto al 2016, quando la percentuale si attestava addirittura al 44%. Nel Nord-Est il Pil pro capite è di poco inferiore a quello del Nord-Ovest, ossia 34.300 euro, mentre al Centro si ferma a 30.700 euro.

Entrando nel dettaglio dei dati Istat emerge che il Nord-Ovest sia trainato dalla Lombardia, che registra nel 2017 un +2,7% rispetto al 2016. Nel Nord-Est eccelle la Provincia Autonoma di Trento (+2,6%), dietro cui troviamo subito il Veneto (+2,3%). Curiosamente è modesta la crescita della Provincia Autonoma di Bolzano (+0,4%). Nel Meridione, invece, le performance migliori sono quelle di Campania e Abruzzo, entrambe con un +1,6% rispetto ai 12 mesi precedenti, mentre la Calabria si ferma a +1,1%. Male, molto male il Molise che fa registrare un -0,4%.

Istat: i dati settoriali

Nel Nord-Ovest l’agricoltura subisce un importante decrescita nel 2017 rispetto al 2016 (-3,7%), mentre industria e servizi finanziari segnano un dato positivo rispettivamente del 3,7% e 2,2%. Nel Nord-Est è il settore primario a segnare il dato più negativo (-5,9%), ma scendono anche gli altri servizi dello 0,6% il valore aggiunto degli altri servizi; su industria (+4%) e commercio (+3,9%). Al Centro l’agricoltura fa segnare il dato più negativo dello Stivale con (-8,4%), mentre l’industria registra un +3%. Bene anche servizi immobiliari e finanziari (+1,1%) e gli altri servizi (+1%).

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO