Cesare Battisti è latitante: il presidente del Brasile firma per l'estradizione in Italia

chiesto arresto Cesare Battisti

Le autorità brasiliane stanno considerando Cesare Battisti un latitante a tutti gli effetti. Dopo l'ordine di arresto immediato di stamattina, nessuno è riuscito a mettersi in contatto con l'ex terrorista italiano, che si troverebbe "in una località ignota e non determinata".

Neanche il suo legale, l'avvocato Igor Sant’Anna Tamasauskas, è stato d'aiuto in queste prime ore. L'uomo ha riferito di non avere contatti col suo assistito dai primi giorni di dicembre, ma ha sottolineato che Battisti è ben consapevole delle conseguenze di un gesto come questo.

Il Presidente del Brasile Michel Temer, in carica per le prossime due settimane per poi lasciare il posto al presidente eletto Jair Bolsonaro, ha firmato oggi il decreto di estradizione per Cesare Battisti a poche ore dall'ordine di arresto emesso dal Supremo Tribunale Federale nei suoi confronti.

L'alta corte brasiliana ordina lʼarresto immediato di Cesare Battisti

La magistratura brasiliana ha ordinato l'arresto di Cesare Battisti, l'ex terrorista dei Pac (Proletari armati peri il comunismo) condannato all'ergastolo in Italia in contumacia per quattro omicidi, di cui due sarebbero stati commessi da lui materialmente, uno in concorso e uno in concorso morale secondi i giudici. Omicidi per i quali l'ex terrorista, condannato anche per altri reati legati alla lotta armata, nega ogni responsabilità.

Ora è Luis Fux, magistrato del Supremo tribunale federale brasiliano, a ordinare l'arresto di Cesare Battisti, di cui l'Italia chiede da tempo l'estradizione. L'arresto dell'ex terrorista rosso era stato già chiesto dalla procuratrice generale del Brasile Raquel Dodge per "evitare il rischio di fuga e assicurare una eventuale estradizione"

A dare la notizia dell'ordinanza "immediatamente esecutiva" del giudice Fux è Tv Globo secondo cui il supremo magistrato ha revocato una sua precedente ordinanza di ottobre 2017 che assicurava la non estradizione di Battisti in Italia.

I tempi di Lula sono lontani e dopo la recente elezione del nuovo presidente brasiliano di estrema destra Jair Bolsonaro, la Corte suprema sta accelerando le procedure per far estradare il più presto possibile Cesare Battisti.

Stupore da parte del legale dell'ex membro dei Pac, avvocato Igor Tamasauskas, che spiega di aver appreso della richiesta di arresto "dai media... Non ho avuto accesso alla decisione del giudice, l'ho saputo dai media, non posso commentare".

Bonafede: soddisfatti solo quando Battisti sarà in Italia

Il Guardasigilli Alfonso Bonafede commenta con un tweet la richiesta di arresto per Battisti: "Saremo soddisfatti solo quando Battisti sarà estradato in Italia. Sono state accolte le nostre richieste di rigettare il suo reclamo. È ciò per cui il ministero della Giustizia sta lavorando da tempo"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO