Deposito incontrollato di rifiuti: indagato Antonio Di Maio

antonio di maio indagato

Antonio Di Maio, papà del vicepremier Luigi, è stato iscritto nel registro degli indagati da parte della Procura di Nola per deposito incontrollato di rifiuti. La notizia è riportata dall’edizione odierna de Il Mattino, secondo cui l’indagine sarebbe partita dal ritrovamento nel terreno attiguo alla masseria della famiglia Di Maio di alcuni rifiuti inerti, di una carriola e di alcuni secchi. La vecchia masseria di Antonio Di Maio sita nel Comune di Mariglianella (Napoli) era stata oggetto di un’ispezione da parte dei vigili urbani, in seguito alla quale le aree erano state messe sotto sequestro.

Gli agenti della municipale avevano rinvenuto all’interno del terreno "scarti edili, residui ferrosi e pezzi di igienici", che ora sono anche oggetto di accertamenti da parte dell’Agenzia regionale per l'Ambiente. Alcuni media hanno riportato delle dichiarazioni attribuite al legale di Antonio Di Maio, l’avvocato Saverio Campana: "Siamo in presenza di un'ipotesi astratta. Il sequestro è finalizzato solo a consentire all'Arpac di stabilire se quanto rinvenuto rientri o meno nella categoria di rifiuti. Se anche fosse, la semplice rimozione determinerebbe l'estinzione automatica del reato".

Secondo quanto riferisce ‘Tgcom’, però, l’avvocato Campan avrebbe smentito questa versione sottolineando: "Ho detto a tutti i giornalisti che non avrei fatto alcun commento".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO