Istat: cala la fiducia di famiglie e imprese. Unione Consumatori: "Gelata a Natale"

La "manovra ballerina" ha fatto crollare la fiducia degli italiani.

Istat clima di fiducia consumatori e imprese

L'Istat ha diffuso oggi i dati sulla fiducia dei consumatori e delle imprese stimando a dicembre 2018 una flessione del clima di fiducia da 114,7 a 113,1 tra le famiglie e da 101,0 a 99,8 tra le imprese, per le quali la dinamica è negativa già da luglio 2018.

L'Istituto nazionale di statistica sottolinea che tutte le componenti del clima di fiducia sono in peggioramento: quello economico passa da 131,5 a 129,4, il clima personale da 108,9 a 107,0, il clima corrente da 111,5 a 110,0 e il clima futuro da 118,7 a 116,0.

Per le imprese, nel settore manifatturiero l’indice passa da 104,3 a 103,6, nelle costruzioni da 132,5 a 130,3 e nei servizi da 101,7 a 99,5. Per il commercio al dettaglio, invece, c'è un aumento da 102,1 a 104,8. L'Istat commenta:

"A dicembre si rileva un peggioramento generalizzato del clima di fiducia. In particolare, per quanto riguarda le imprese, l’indice destagionalizzato torna sui livelli di due anni fa. Nella manifattura, la flessione del clima di fiducia riflette un deterioramento ulteriore dei giudizi sulla domanda a fronte di aspettative in lieve crescita e, dal punto di vista settoriale, il calo nel comparto dei beni intermedi. Peggioramenti si rilevano anche nei servizi e nelle costruzioni. Con riferimento ai consumatori, si segnala il peggioramento, per il terzo mese consecutivo, delle valutazioni sulla situazione economica del paese amplificato, come impatto negativo sull’indice, da un deterioramento dei giudizi sul quadro personale"

Subito è arrivata una spiegazione da parte dell'Unione Nazionale Consumatori, che così commenta i dati di oggi dell'Istat:

"La manovra ballerina, le discussioni con l'Europa, il rischio di procedura d'infrazione, l'innalzamento dello spread, non hanno fatto bene, rendendo decisamente pessimisti gli italiani, determinando un calo della fiducia"

Parla anche di "gelata a Natale" e aggiunge:

"Il rischio di una conseguente stangata, ha fatto franare anche i dati sulla situazione economica delle famiglie, facendo scendere sia i giudizi, da -19,3 a -20,4, sia le attese, da -4,3 a -6,1"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO