La Manovra del popolo aumenta la pressione fiscale

Upb: "C'è un leggero aumento, poi rimane stabile"

manovra governo conte aumenta le tasse upb

La manovra del popolo, dopo le correzioni imposte al governo dall'UE, farà aumentare la pressione fiscale che poi si stabilizzerà secondo i calcoli fatti dall'Ufficio parlamentare di bilancio (Upb). A spiegarlo è stato il presidente dell'Upb Giuseppe Pisauro audito oggi in Commissione Bilancio della Camera. "C'è un leggero aumento di mezzo punto della pressione fiscale che poi rimane stabile". Secondo le stime ancora approssimative "rispetto al 42% del 2018 si va al 42,4% nel 2019. Negli anni successivi se non si considerano le clausole si va al 42,8% e 42,5%".

Le clausole di salvaguardia se non vengono sterilizzate faranno scattare l'aumento di Iva e accise sui carburanti. Pisauro ha precisato che i calcoli sono stati fatti "prendendo per buone che tutte le entrate siano fiscali. È una sorta di tombola dare i numeri così ma la pressione leggermente aumenta".

Pisauro si è poi tolto un sassolino dalla scarpa invitando i parlamentari della commissione Bilancio a non tirare per la giacchetta l'Upb, organismo tecnico e indipendente, per trascinarlo in polemiche politiche con le opposizioni che accusano il governo di aver aumentato le tasse e membri della maggioranza che dicono il contrario.

Riduzione degli investimenti

Secondo l'Ufficio parlamentare di bilancio dopo le modifiche alla manovra, che hanno permesso di evitare la procedura d'infrazione Ue, si è determinata "un'inversione di segno nell'effetto netto complessivo sulla spesa per investimenti e contributi agli investimenti nel 2019: da un aumento di 1,4 miliardi inizialmente previsto si passa a una riduzione di circa un miliardo".

Previsioni crescita Pil

Sempre secondo l'Upb l'ultima stima di crescita del Pil formulata dal governo "è accettabile, anche se vanno segnalati notevoli rischi al ribasso" a partire da quelli legati all'andamento dell'export e del commercio internazionale. Per il 2018 la stima di crescita del governo che vede d'accordo l'Upb è all'1%, per il 2019 la crescita reale sarà ancora dell'1% per il governo e dello 0,8% per l'Upb, "ma siamo allineati su Pil nominale", ha aggiunto Pisauro. Sperando che i rischi al ribasso non si concretizzino.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO