Manovra: commissione Bilancio della Camera vota mandato al relatore, il PD protesta

manovra commissione relatore

La manovra fa un altro passo in avanti verso la definitiva approvazione: la commissione Bilancio della Camera ha approvato il mandato al relatore con i voti di Movimento 5 Stelle e Lega, ma non sono mancati i momenti di tensione con l’opposizione. Il Partito Democratico e Forza Italia hanno votato contro, ma le maggiori proteste sono derivate dal fatto che il testo è stato inviato in aula "senza discutere né votare" i circa 350 emendamenti alla legge di bilancio. La maggioranza annuncia l’approvazione definitiva il 29 dicembre, ma qualora si sforasse la data del 31 scatterebbe l’esercizio provvisorio.

Manovra: bagarre in Commissione

Prima del voto di giovedì sera, c’è stata tensione tra il ministro Giovanni Tria e i parlamentari del Partito Democratico. Mentre il titolare del Mef stava parlando, gli esponenti dell’opposizioni hanno fatto sentire le proprie lamentele. "Mi avete massacrato per un'ora, potrò rispondere o no?", le parole di Tria che hanno alimentato ulteriormente un botta e risposta che ha costretto il presidente Claudio Borghi a richiamare i commissari all’ordine. Queste le parole di Luigi Marattin, capogruppo del PD in commissione Bilancio alla Camera: "Una manovra che - sottolinea - , come certificato dall'ufficio parlamentare di bilancio, alza la pressione fiscale e diminuisce gli investimenti. E che per giunta nasce sei giorni fa e viene approvata senza che i due rami del Parlamento abbiano potuto esaminarla. Direi un capolavoro, sia nel merito che nel metodo".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO