Banca Carige commissariata dalla BCE: azioni sospese in borsa

BCE

La Banca Centrale Europea ha dato il via al commissariamento di Banca Carige, nominando questa mattina tre commissari straordinari e un comitato di sorveglianza che andranno a sostituirsi al Consiglio di Amministrazione di Banca Carige, prendendo di fatto le redini della Cassa di Risparmio di Genova e Imperia.

La decisione della BCE è stata presa subito dopo le dimissioni di gran parte dei membri del consiglio di amministrazione di Banca Carige, a cominciare dal presidente Pietro Modiano e il CEO Fabio Innocenzi, nominati amministratori straordinari insieme a Raffaele Lener.

I tre membri del comitato di sorveglianza, invece, sono Gianluca Brancadoro, Andrea Guaccero e Alessandro Zanotti. A rendere noto il commissariamento è stata la stessa Banca Centrale Europea, che ha diffuso una breve nota:

Le dimissioni della maggioranza del Consiglio di amministrazione hanno reso necessario l'insediamento di un'amministrazione straordinaria che guidasse la banca al fine di stabilizzarne la governance e di perseguire soluzioni efficaci per assicurare in modo sostenibile la stabilità e la conformità alle norme. La decisione di avviare la procedura di amministrazione straordinaria è una misura di intervento precoce finalizzata ad assicurare la continuità e a perseguire gli obiettivi di un piano strategico.

Il primo passo di questo commissariamento è stata la sospensione del titolo in borsa, decisa dalla Commissione nazionale per le società e la Borsa (Consob) prima che la BCE rendesse noto il comunicato.

Perché la Banca Carige è stata commissariata?

Lo stallo era iniziato il 22 dicembre scorso, quando il primo socio dell'istituto bancario - Malacalza Investimenti, che possiede il 27,5% - si era astenuta dal voto sull'aumento di capitale da 400 milioni di euro che era stato chiesto dalla Banca Centrale Europea per rimborsare il prestito di emergenza concesso lo scorso novembre da altre banche italiane.

Da lì sono partite le dimissioni di sette membri del consiglio di amministrazione - Pietro Modiano, Fabio Innocenzi, Lucia Calvosa, Salvatore Bragantini, Bruno Pavesi, Lucrezia Reichlin e Raffaele Mincione - costringendo la BCE ad intervenire in assenza di una maggioranza del c.d.a.

Cosa succederà adesso alla Banca Carige?

La Banca Carige e la BCE hanno prontamente comunicato che nulla cambierà per i clienti della banca. Carige al momento ha i capitali sufficienti per restare in piedi e i commissari straordinari cercheranno subito una nuova banca con cui fondere Carige. Le indiscrezioni indicano UBI e Unicredit come candidati papabili per questa fusione.

Un piano industriale è già in fase di compilazione da parte dei commissari straordinari e le prime notizie positive dovrebbero arrivare a breve, nei prossimi giorni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO