Radio Padania e il finanziamento del MISE: il PD va all'attacco

AgCom troppe spazio dei tg a Di Maio e Salvini

Luigi Di MaioMatteo Salvini, di solito sempre pronti a commentare a tempo record gli eventi e le notizie che li riguardano direttamente, sono ancora intervenuti sul finanziamento a Radio Padania che il Ministero dello Sviluppo Economico sarebbero pronto ad erogare.

I due vicepremier, già attivissimi su Facebook dalle prime ore di oggi, hanno ignorato le varie chiamate in causa da parte del Partito Democratico, nuovamente sul piede di guerra contro l'esecutivo di Giuseppe Conte.

Tra i primi a tuonare contro il Movimento 5 Stelle c'è stato il capogruppo dei senatori del PD, Andrea Marcucci, che via Twitter ha sottolineato l'ipocrisia di Luigi Di Maio:

Il bello è che dicevano di perseguire il modello Bbc. Tagliano progressivamente i fondi per l'editoria, dimezzano le risorse per la convenzione con Radio Radicale, però poi Di Maio stanzia 70 mila euro per Radio Padania.

La deputata Alessia Rotta non è da meno:

All’editoria libera contributi azzerati mentre alla fedele radio Padania #DiMaio regala 70mila euro. Gli ex direttori Morelli e Salvini sono in parlamento e al governo. Tutto chiaro? #12Gennaio. L’informazione che piace al #GovernoDelCambiamento #articolo2.

L'europarlamentare David Sassoli, Vicepresidente del Parlamento Europeo, sottolinea l'assurdità della cosa:

Dunque sembra di capire: Radio radicale è troppo troppo schierata, i soldi diamoli a Radio Padania che svolge un equilibrato ruolo di garanzia.

All'attacco anche David Faraone:

L'esecutivo di Giuseppe Conte, invece, ancora tace.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO