Cesare Battisti arrestato, Conte: "Ad attenderlo ci saranno le nostre carceri"

Cesare Battisti tornerà in Italia nelle prossime ore dopo esser riuscito a fuggire dal carcere di Frosinone nel 1981 e iniziare così la sua latitanza durata oltre 30 anni, prima trovato ospitalità in Francia, Messico e infine in Brasile. Al suo arrivo in Italia lo attende il carcere e a confermarlo non è stato soltanto il Ministro dell'Interno Matteo Salvini, tra i primi a commentare l'arresto dell'ex terrorista italiano in Bolivia.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha voluto lanciare un messaggi ai familiari delle vittime di Battisti, confermando che l'uomo espierà interamente le condanne che gli sono state inflitte mentre era latitante. Il messaggio, come al solito, è stato affidato a Facebook:

Le famiglie Santoro, Torregiani, Sabbadin, Campagna potranno finalmente ottenere giustizia. La cattura e l’espulsione di Cesare Battisti sono un risultato atteso da oltre quarant’anni, che dovevamo soprattutto a loro, come pure alle altre vittime delle sue azioni criminali.
Lo sforzo corale e perseverante dei nostri servizi di intelligence, delle nostre forze di polizia e dell’Interpol, la collaborazione delle Autorità brasiliane e boliviane e la determinazione di questo Governo stanno per essere finalmente premiati.

Conte ha confermato che l'arrivo di Battisti in Italia è molto vicino:

Un nostro aereo è in viaggio per la Bolivia dove atterrerà verso le ore 17 (ora italiana), con l’obiettivo di prendere in consegna Battisti e riportarlo in Italia. Ad attenderlo qui da noi ci saranno le nostre carceri affinché possa espiare le condanne all’ergastolo che i tribunali italiani gli hanno inflitto a suo tempo con sentenze passate in giudicato, non certo a causa delle sue idee politiche, bensì per i quattro delitti commessi e per i vari reati connessi alla lotta armata e al terrorismo.

Le famiglie Santoro, Torregiani, Sabbadin, Campagna potranno finalmente ottenere giustizia. La cattura e l’espulsione di...

Posted by Giuseppe Conte on Sunday, January 13, 2019

Gli ha fatto eco il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, che ricalcando un dei cavalli di battaglia della Lega, alleato di governo del Movimento 5 Stelle di cui Bonafede è parte, ha promesso che "chi sbaglia deve pagare e anche Battisti pagherà":

È finita la lunghissima fuga di Cesare Battisti.
ll mio pensiero va ai familiari delle vittime di Battisti: Antonio Santoro, Pierluigi Torregiani, Lino Sabbadin, Andrea Campagna.
A loro posso dire che, finalmente, giustizia è fatta!
Ora Cesare Battisti sarà riconsegnato all’Italia. La tensione delle ultime ore e il dovuto riserbo possono lasciare spazio alla soddisfazione per aver raggiunto un risultato atteso per 25 anni.
Battisti in Italia dovrà scontare la sua pena.

È finita la lunghissima fuga di Cesare Battisti.

ll mio pensiero va ai familiari delle vittime di Battisti: Antonio...

Posted by Alfonso Bonafede on Saturday, January 12, 2019

Il vicepremier Luigi Di Maio ha condiviso su Facebook il post di Bonafede e aggiunto un breve commento di massima soddisfazione per questo arresto a lungo atteso:

Dopo 25 anni possiamo finalmente dire: giustizia è fatta! Cesare Battisti è stato arrestato e sconterà la sua pena in Italia.
Grazie ad Alfonso Bonafede per il lavoro svolto! Un ringraziamento doveroso va fatto anche alle forze dell'ordine italiane e straniere, all'Interpol e all’Aise per l’impegno profuso.
Il primo pensiero va ai familiari delle vittime che, per anni, hanno atteso che venisse fatta giustizia.

Dopo 25 anni possiamo finalmente dire: giustizia è fatta! Cesare Battisti è stato arrestato e sconterà la sua pena in...

Posted by Luigi Di Maio on Sunday, January 13, 2019

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO