UE, Salvini contro Mogherini: "Si è dimenticata di essere italiana" - VIDEO

Dopo l'intervento dell'Alto rappresentante per la Politica Estera dell'Unione Europea, Federica Mogherini, sul futuro dell'Operazione Sophia dopo che la Germania si è detta pronta ad uscire anticipatamente dall'impegno preso, il Ministro dell'Interno Matteo Salvini ha tenuto questa mattina una conferenza stampa al Viminale per chiarire la posizione italiana.

Salvini ha iniziato snocciolando i dati delle presenze di richiedenti asilo ospiti delle strutture italiane - "ovviamente a spese dei cittadini italiani" - che tra il 1 gennaio 2018 e il 1 gennaio 2019 sarebbero diminuiti di 50mila unità: 183mila contro i 133mila di oggi. Il vicepremier ha ribadito le proprie critiche alla missione Sophia, che prevede l'Italia come unico porto di approdo e non si dimostra affatto preoccupato dal fatto che la Germania sia pronta a fare un passo indietro:

È una cosa buona e giusta. Ce ne faremo una ragione. Noi lo scorso dicembre avevamo dato parere positivo al prolungamento della missione, anche se era chiaramente a vantaggio di tanti e a svantaggio di uno, ma se qualcun altro la farà venir meno a noi non cambierà nulla.

Salvini non ha risparmiato una dura critica a Mogherini, candidata dall'allora premier Matteo Renzi e poi scelta dal Consiglio Europeo nell'agosto 2014, insinuando come da cittadina italiana non starebbe facendo gli interessi dei suoi connazionali, anche se il ruolo che sta ricoprendo dovrebbe richiedere una certa imparzialità.

Andate a chiedere all'altro Matteo qual è stato il senso di questa nomina, che ai 500 milioni di europei non ha portato alcun riscontro concreto. È chiaro che il prossimo commissario europeo, che sarà nominato da questo governo il prossimo autunno, sarà super partes, ma da cittadino italiano avrà ovviamente attenzione all'interesse dei cittadini italiani, cosa che fanno tutti i commissari europei di tutti i Paesi. Io ne ho conosciuti e incontrati molti e giustamente fanno gli interessi dell'UE, ma se sono greci si ricordano che sono greci e se sono finlandesi si ricordano che sono finlandesi. La sinistra italiana è riuscita a farci rappresentare in UE da qualcuno che un quarto d'ora dopo si è dimenticato di essere italiano.

Salvini, insomma, come accade sempre va sul personale e invece di analizzare quali sono le competenze dell'Alto rappresentante per la Politica Estera dell'Unione Europea, i suoi poteri e le sue responsabilità, punta tutto sull'essere italiana della persona che attualmente ricopre quella carica, contribuendo così a dare ai suoi seguaci un nuovo nemico insultare, qualcuno a cui dare la colpa, qualcuno che non starebbe facendo gli interessi degli italiani anche quando la carica che ricopre richiede assoluta imparzialità.

Salvini - Mogherini

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO