Fontana: "M5S voterà sì a processo per Salvini? Conseguenze per il governo"

fontana salvini

Il caso Diciotti continua ad agitare le acque all’interno del governo e la maggioranza gialloverde rischia di spaccarsi seriamente proprio. Ieri, infatti, il vicepremier Luigi Di Maio ha anticipato che il Movimento 5 Stelle voterà a favore dell’autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini richiesta dal Tribunale dei Ministri di Catania. Un’eventualità che scatena la reazione del ministro della Famiglia, Lorenzo Fontana: "Penso che le ragioni giuridiche e storiche stiano dalla parte di Salvini - dichiara l’esponente del Carroccio a La Stampa - . Chiaramente se il M5s dovesse scegliere di autorizzare la richiesta del Tribunale dei ministri di Catania di processare Salvini, ci saranno delle conseguenze politiche".

Insomma, la maggioranza gialloverde che fin qui si è spesso divisa su diverse tematiche, ma alla fine è riuscita a trovare una sintesi “per il bene dell’Italia”, rischia ora di sgretolarsi seriamente. Ovviamente, qualora la Lega staccasse la spina al governo avrebbe solo da guadagnarci, perché i sondaggi la danno fortemente in ascesa rispetto al Movimento 5 Stelle e il rischio per i penta stellati è quello di essere fatti fuori per un ritorno al governo del centrodestra compatto.

Fontana: "Tutto il Cdm con Salvini"

Tornando alla vicenda in sé, Fontana ribadisce che Salvini è finito nel mirino per una posizione che lui personalmente condivide in toto, ma che non ha trovato tra l’altro nemmeno opposizione all’interno del Cdm. "Indagate anche me a questo punto. Sono nello stesso governo, condivido le azioni, sono quindi un complice. Anzi - prosegue Fontana - , dovrebbe essere indagato tutto il governo visto che in Consiglio dei ministri non ho mai sentito dei distinguo rispetto alla sua azione. Forse non tutti hanno l'intelligenza o il coraggio di capire quanto grave sia questa situazione".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO