Pensioni, al via la presentazione delle domande per la Quota 100

L'INPS ha dato ufficialmente il via alle presentazione delle domande di pensione anticipata e la cosiddetta Quota 100 varata dal governo Conte a fine 2018. La circolare illustrativa delle nuove disposizioni non è ancora stata pubblicata, ma l'INPS si sta già portando avanti con la raccolta delle domande, illustrando la procedura di presentazione delle domande, che può essere effettuata anche online.

Quali sono i requisiti?

Il decreto legge del 28 gennaio 2019, Disposizioni urgenti in materia di reddito di cittadinanza e di pensioni", stabilisce che possono fare richiesta per la pensione anticipata le persone con almeno 62 anni di età e 38 anni di contributi (cosiddetta “quota 100”). Il testo fissa anche "il requisito contributivo per conseguire il diritto alla pensione anticipata a 42 anni e 10 mesi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne, per il periodo 2019-2026 e stabilisce che

le lavoratrici che hanno maturato, entro il 31 dicembre 2018, un’anzianità contributiva minima di 35 anni e un’età anagrafica minima di 58 anni, se lavoratrici dipendenti, e 59 anni, se lavoratrici autonome, possono accedere alla pensione anticipata secondo le regole di calcolo del sistema contributivo previste dal decreto legislativo 30 aprile 1997, n. 1804 (cosiddetta opzione donna).

Come presentare le domande?

Chi è in possesso dei requisiti può presentare la domanda attraverso il sito ufficiale dell'INPS, a patto di avere a disposizione le credenziali di accesso. Una volta entrati nella pagina principale coi propri dati personali è sufficiente scegliere la voce "Domanda Pensione, Ricostituzione, Ratei, ECOCERT, APE Sociale e Beneficio precoci" che compare tra i servizi online.

Da lì sarà necessario scegliere l'opzione "Nuova Domanda" nel menu di sinistra e selezionare, in sequenza, in base alle proprie esigenze:


  • - per la pensione c.d. quota 100: “Pensione di anzianità/vecchiaia” > “Pensione di anzianità/anticipata” > “Requisito quota 100”;

  • - per la pensione anticipata: “Pensione di anzianità/vecchiaia” > “Pensione di anzianità/anticipata” > “Ordinaria”;

  • - per la pensione anticipata c.d. opzione donna: “Pensione di anzianità/vecchiaia” > “Pensione di anzianità/anticipata” > “Contributivo sperimentale lavoratrici”.

Fatto questo è necessario selezionare, in ciascuno dei casi qui sopra, il Fondo e la Gestione di liquidazione. In alternativa, però, è possibile fare tutto attraverso il call center dell'INPS o rivolgendosi ai patronati.

L'INPS precisa che queste modalità di presentazione delle domande sono valide "per i lavoratori iscritti alle Gestioni private, alla Gestione pubblica e alla Gestione spettacolo e sport, anche al fine di chiedere, per la pensione quota 100, il cumulo dei periodi assicurativi".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO