Ufficiale: gli Usa si ritirano dal trattato con la Russia sulle armi nucleari

usa trattato armi nucleari russia

Gli Usa si ritirano ufficialmente dal trattato Inf sulle armi nucleari: l’annuncio arriva dal segretario di Stato americano, Mike Pompeo. Lo storico trattato era stato siglato nel 1987 da Ronald Reagan e Mikhail Gorbaciov, ma secondo gli Stati Uniti i russi lo avrebbero violato più volte a partire dal 2014. "La Russia ha violato per anni senza scrupoli il trattato - le parole del segretario di Stato americano - e non ha mostrato alcun serio impegno nel volerlo rispettare". Gli Usa, ha comunque confermato Pompeo, proporranno un nuovo accordo a Mosca entro i prossimi sei mesi. Ovviamente, dalla Russia smentiscono la tesi americana.

Cosa succede ora?

Secondo quanto prevedono gli accordi stipulati nel 1987, con il ritiro degli Usa dal trattato fa partire un periodo della durata di 180 giorni per il ritiro completo dal trattato, a meno che da Mosca non ne vengano rispettate le previsioni. I timori sono quelli di una nuova corsa agli armamenti e il ritiro anche dall’altro trattato nucleare, quello di Start.

Russia: "Non possiamo ignorare la minaccia Usa"

Il viceministro degli Esteri russo, Sergei Ryabkov, accusa intanto gli Stati Uniti della possibilità di schierare in Europa "48 missili da crociera" mettendo "in pericolo" la Russia centrale. Mosca, di conseguenza, "non può ignorare questa minaccia", aggiunge. Visto che gli Usa hanno la disponibilità immediata anche di "24 missili Tomahawk nucleari", la Russia sta già avviando le contromisure necessarie a garantire la sua sicurezza nazionale, conclude Ryabkov.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO