Salvini: "A Di Battista mando pane e Nutella. Non faccio saltare il governo per quello che dicono i sondaggi"

Quella di Salvini, però, sembra una velata minaccia...

Salvini Di Battista

Che in seno al governo siano in corso "giochetti" elettorali è ormai del tutto evidente e se la Tav sembra fare da ago della bilancia tra Lega e MoVimento 5 Stelle, è anche quello che fa scatenare i due leader, che si trovano su posizioni diametralmente opposte. Ognuno dei due cerca di far valere i propri argomenti, ma anche se vogliono far restare il confronto abbastanza civile, cominciano a intravvedersi velate minacce.

Matteo Salvini, in particolare, davanti alla risolutezza di Luigi Di Maio nel dire no alla Tav, rafforzata dai toni ben più accesi di Alessandro Di Battista, non essendo abituato, visto che finora l'ha avuta vinta praticamente su tutto, prova a tirare in ballo i sondaggi e anche se dice di non volerne tenere conto, poi però aggiunge che "le cose bisogna farle, non bloccarle", altrimenti la tenuta del governo non è poi così al sicuro. Quello di Salvini è un "dire" e "non dire" che però fa capire benissimo a che gioco sta giocando.

Oggi, durante un comizio in Abruzzo, ha fatto un paio di battute che fanno pensare. Da una parte ha cercato di smorzare i toni del confronto a distanza con Alessandro Di Battista, che ieri ha detto a Salvini di "non rompere i cogli*ni" e che se vuole fare la Tav torni da Berlusconi. Oggi il ministro dell'Interno ha risposto con ironia, l'arma di cui si serve sempre quando non sa come uscire da una situazione:

"Mi ha detto non rompere i cogli*ni. Mando pane e nutella anche a lui, un bacio o forse un bacio perugina altrimenti equivoca"

Poi ha detto:

"I giornalisti continuano a dirmi 'Salvini guarda i sondaggi, la Lega è diventata il primo partito.Tu sei la persona più importante. Fai saltare tutto così eleggi più deputati e senatori'. A queste persone dico che la mia parola vale più di qualsiasi sondaggio. Non faccio saltare il governo per quello che dicono i sondaggi. Però le cose bisogna farle, non bloccarle"

Insomma, Salvini vuole sembrare buono, ma le sue parole suonano più come: vi ricordo che io sono in testa ai sondaggi, se il governo cade vinco e mi levo dalle scatole i 5 Stelle, e se non mi fate fare la Tav il governo cade eccome.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO