Berlusconi, processo escort rinviato a dopo le elezioni europee

Silvio Berlusconi a L'Aquila per 25 anni di Forza Italia

Sarebbe dovuto iniziare oggi, lunedì 4 febbraio 2019, il processo che vede imputato l'ex Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per il reato di induzione a rendere false dichiarazioni all'autorità giudiziaria sulla vicenda escort, ma la prima udienza ha visto la giudice Flora Cistulli accettare la richiesta di rinvio presentata dai legali del leader di Forza Italia, che nelle prossime settimane sarà impegnato nella campagna elettorale in vista delle europee.

Berlusconi sarà quindi alla sbarra presso il Tribunale di Modugno a partire dal 17 giugno prossimo, due settimana circa dopo la conclusione delle elezioni europee che si terranno tra il 23 e il 26 maggio prossimi.

L'ex premier, difeso dagli avvocati Niccolò Ghedini e Francesco Paolo Sisto, è accusato di aver pagato Gianpaolo Tarantini per spingerlo a mentire ai pm di Bari che stavano indagando sula vicenda delle escort. Era Berlusconi in persona, secondo la giudice Rosa Anna Depalo che aveva disposto il rinvio a giudizio, a pagare nella maggior parte dei casi le prestazioni sessuali delle escort che venivano reclutate da Tarantini "e ciò non era propriamente indifferente per la reputazione interna ed internazionale di un presidente del Consiglio".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO