Crolla la produzione industriale: -5,5% annuo. Istat: "Tenuta economica a serio rischio"

calo produzione-industriale-5,5 annuo

Produzione industriale italiana in crisi nera, per un calo tendenziale pari a -5,5%. I dati Istat diffusi oggi spiegano che la produzione industriale a dicembre scorso è diminuita dello 0,8% rispetto al mese precedente, per quella che è la quarta contrazione consecutiva e per il dato più basso degli ultimi 4 anni, contro una crescita del 3,6% del 2017.

Su base annua invece il ribasso della produzione industriale è del 5,5%, il calo tendenziale più consistente da dicembre del 2012. Sempre su base annua il dato grezzo registra una flessione del 2,5%. L’Istat rileva che la dinamica in atto nel settore manifatturiero in Italia è simile a quanto sta accadendo in Germania, la cui economia si avvia verso una fase recessiva.

Tornando al nostro paese, che in recessione tecnica c’è già, l'indice destagionalizzato mensile della produzione industriale diffuso dall’Istat parla di un aumento congiunturale solo nel settore dei beni intermedi (+0,1%) mentre sono in netto calo i beni di consumo (-2,9%) e l'energia (-1,5%). Per i beni strumentali la variazione è nulla.

Gli indici corretti per gli effetti di calendario registrano sempre a dicembre 2018 una forte diminuzione annua per i beni di consumo (-7,2%) e intermedi (-6,4%), con cali meno consistenti per l'energia (-4,4%) e i beni strumentali (-3,5%).

Tutti i principali comparti di attività economica registrano diminuzioni su base annua rilevanti, a partire dall'industria del legno, carta e stampa (-13%). Le industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori calano dell’11,1% e quelle della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche, di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi del 7,9%.

La produzione industriale di autoveicoli segna nell’ultimo mese del 2018 un calo su base annua del 16,6% secondo i dati corretti per gli effetti di calendario. Ieri l’Istat aveva comunicato invece che l’export italiano nel 2018 è cresciuto solo dell’1,7%, molto meno dell’8,2% del 2017, diffondendo i dati sul commercio estero extra Ue.

In questo quadro l’indicatore Istat che anticipa la tendenza dell'economia italiana nei prossimi mesi mostra "una marcata flessione": l’Istituto nazionale di statistica nella prima nota mensile dell'anno prospetta "serie difficoltà di tenuta dei livelli dell'attività economica" in Italia.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO