Elezioni 2013: tutti i candidati alla Camera del Pd

Pier Luigi Bersani a Otto e Mezzo
La data di scadenza per la presentazione delle liste è il 21 gennaio, ma il Partito Democratico - tra primarie, parlamentarie, listini bloccati, deroghe, ecc. - è già da un pezzo che ragiona sugli uomini e le donne da portare in Parlamento nella prossima legislatura. E infatti prima di tutti gli avversari sono arrivate le liste complete di tutti i candidati a Camera e Senato, dopo le tante parole che si sono fatte sui capilista nelle varie regioni.

Alla Camera il segretario del Pd si è tenuto per sé la prima posizione in Lombardia, Lazio e Sicilia, mentre la sua giovane 'braccio destro' Alessandra Moretti si conquista la terza piazza in Veneto. Il tanto contestato (da Monti) Stefano Fassina dopo aver fatto il pieno alle primarie si conquista la sicura terza piazza per il Lazio, dove tra gli altri 'big' spuntano anche Gentiloni e Fioroni. Tra i giovani invece si godono un posto in lista sicuro Giuseppe Civati, al sesto posto in Lombardia e il renziano Davide Faraone, in Sicilia.

Le prime analisi mettono in luce qualche dato interessante: il 40% dei candidati è donna, mentre la percentuale di coloro che sono ascrivibili all'area bersaniana è altissima, 80%. Matteo Renzi aveva spiegato di meritarsi il 40% dei candidati, dopo le primarie, ma non l'ha neanche presa male, visto che non si è lamentato della stroncatura di alcuni dei suoi (vedi Roberto Reggi) e non ha appoggiato neanche il suo spin doctor Gori (che se la vede brutta al 23esimo posto in Lombardia). E neanche ha insistito per avere gente nel listino bloccato del segretario, ma dopo il gentlemen's agreement deciso nel pranzo tra i due è stato lo stesso Bersani a imbarcarne un po'.

Renziani a parte, Bersani ha chiaramente privilegiato le nuove leve della sinistra del partito, i giovani turchi alla Fassina e Orlando, mentre le candidature più moderati sono in larga parte arrivate da indipendenti (anche perché Ichino se n'è andato e Morando ha deciso di non candidarsi), mentre l'area liberal vicina a Veltroni è un po' agonizzante: dei 15 parlamentari ed esponenti del Pd che la scorsa estate firmarono il manifesto-appello per la prosecuzione dell'agenda Monti sono fuori tutti tranne Paolo Gentiloni e Giorgio Tonini, candidati in quota Renzi, e Peluffo che ha vinto le primarie per i parlamentari.

La lista dei candidati PD alla Camera

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO