Spagna, bocciata la manovra del governo Sánchez. Presto elezioni anticipate?

Venerdì, dopo il Consiglio dei Ministri, l'annuncio sulla decisione relativa alla convocazione di elezioni anticipate.

Spagna elezioni anticipate

In Spagna si va verso elezioni anticipate dopo che oggi è stato approvato l'emendamento che boccia il progetto dei bilanci generali dello Stato 2019. Hanno votato a favore PP, Ciudadanos, ERC, PDeCAT, Foro Asturias e Coalición Canaria con 191 sì contro i 158 no di Psoe e Podemos e un solo astenuto.

Ora si torna dunque alle urne un anno prima della scadenza naturale della legislatura. Il governo ha fatto sapere che la decisione sulla convocazione delle elezioni sarà annunciata venerdì prossimo, dopo il Consiglio dei Ministri.

Sono stati i leader di PP e Ciudadanos, Pablo Casado e Albert Rivera, a chiedere le elezioni subito dopo il voto di oggi in Parlamento. Il PNV (Partito Nazionalista Basco) si è espresso contro una "super domenica" il 26 maggio, quando si dovrebbero svolgere cinque elezioni diverse, incluse quelle europee.

Questa è la prima volta che i partiti separatisti catalani hanno votato come le forze di centro-destra, Ciudadanos e PP. Casado, leader dei popolari, ha promesso: "Non faremo mai accordi con populisti e indipendentisti".

Pablo Iglesias di Podemos ha cercato fino alla fine di trovare un accordo con gli indipendentisti, addirittura chiamando l'esiliato ex presidente catalano Carles Puigdemont, ma non c'è stato verso.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO