Silvio Berlusconi a Porta a Porta: "Il candidato premier che verrà approvato sarà Angelino Alfano"

01:17 fine trasmissione.


01:13 Segue un servizio sui capilista del PdL alla Camera e al Senato e sulle alleanze. In studio, Berlusconi: "Molte decisioni non sono state prese, stiamo lavorando agli apparentamenti.". Su alcuni inquisiti candidati con Grande Sud: "Non so niente".


01:10 Berlusconi: "Ho letto personalmente tutti gli atti su Cosentino e non c'è veramente nulla. Ci sono alcuni PM e giudici che utilizzano la magistratura a fini politici. Ingroia è il primo"


01:08 Berlusconi: "Presenteremo tutta insieme la squadra che accompagnerà Alfano"


01:05 Rivediamo un servizio riguardante l'ospitata di Valentina Vezzali, candidata con Monti, che disse a Berlusconi: "Io da lei mi farei toccare". In studio: "Colpa nostra che non abbiamo fatto nessuna offerta alla Vezzali. Abbiamo avuto la Di Centa che ha anche vinto di più della Vezzali. Mi scuso con lei"

Silvio Berlusconi a Porta a Porta 9 gennaio 2013 Silvio Berlusconi a Porta a Porta 9 gennaio 2013
Silvio Berlusconi a Porta a Porta 9 gennaio 2013 Silvio Berlusconi a Porta a Porta 9 gennaio 2013 Silvio Berlusconi a Porta a Porta 9 gennaio 2013


01:02 Vespa afferma che Gabriele Albertini ha detto che una giudice coinvolta nella separazione tra Berlusconi e Veronica Lario era una sua fidanzata e non è comunista. Berlusconi: "Ogni cosa che dice Albertini è degradante per la sua persona".


01:01 Berlusconi: "Abbiamo collaborato con Fini e Casini per non far cadere il governo tecnico in quel periodo di febbre finanziaria".



01:00 Berlusconi su una grande intesa con Bersani: "Sarebbe molto difficile ma se si mettessero a punto le riforme della Costituzione, se Bersani le condividesse, darei il mio appoggio"


00:58 Berlusconi: "A cena con Bruno Vespa, Casini mi disse che se avessi fatto un passo indietro, i moderati si sarebbero riuniti. Ho fatto molti passi indietro, più di così... Casini vuole scroccare qualche sedia alla sinistra".


00:57 Berlusconi su un possibile accordo con Monti: "Monti sta con Casini e Fini. Non sarei più in grado di sopportarli. Sono opportunisti. Considerando anche il comportamento di Monti, non riuscirei a lavorare con lui"


00:55 Berlusconi sulla Lega: "Da quando sto con la Lega, non ho più sentito parlare di secessione".


00:54 sondaggio sull'alleanza con la Lega: il 57% dell'elettorato PdL dice sì.


00:51 Berlusconi: "Le primarie nel PdL sarebbero state inutili e risibili."



00:49 Segue un video con una domanda di Luca Ridolfi: il centrodestra è in grado di indicare il nome del premier? Berlusconi: "Il candidato che verrà approvato sarà Angelino Alfano. Io sarò Ministro dell'Economia"


00:45 Berlusconi: "Dobbiamo trattare con la comunità europea ma non inginocchiati ma alla pari."


00:43 Berlusconi: "Non c'è stato nessun isolamento da parte dell'Italia. Il debito italiano non era preoccupante. La nostra era la seconda economia dell'Eurogruppo. Io feci presenti che non accettavo il metodo del calcolo del PIL."



00:40 Berlusconi riguardo la Comunità Internazionale: "Difendevo solo gli interessi dell'Italia. Il punto di contrasto riguardava la proposta di Germania e Francia sui 6 punti del Fiscal Compact. Era una cosa insostenibile per l'Italia".


00:39 Berlusconi: "E' auspicabile un'alleanza con i Radicali. Le loro posizioni sulla giustizia sono le nostre". Berlusconi parla anche dei diritti per le coppie di fatto ma smentisce una legge sulle nozze gay.


00:35 entra Renato Mannheimer con le intenzioni di voto: il Popolo della Libertà è in una fase di crescita mentre la coalizione di Centro-Destra nel suo insieme raggiunge il 26,7%. La coalizione di Monti raggiunge il 15,1%. Berlusconi annuncia un calo di Beppe Grillo. Mannheimer sottolinea che il partito di Ingroia è in ascesa.



00:29 Berlusconi ripete: "Se non si cambia l'architettura istituzionale, non si va da nessuna parte" Sul cambiamento della Costituzione: "Solo un partito, il PdL, è in grado di fare questo cambiamento, senza dover discutere nulla con i piccoli partiti"


00:27 Berlusconi su Fini: "Se avessimo avuto i 40 voti di Fini che se n'è andato da un'altra parte, governeremmo ancora. Il governo è caduto per delle concause. Con la maggioranza assoluta, il governo non sarebbe caduto."


00:25 dopo il servizio, Berlusconi tira fuori a sorpresa il famoso contratto con gli italiani. L'ex premier afferma con decisione che tutti i punti del contratto sono stati rispettati: abbattimento pressione fiscale, innalzamento delle pensioni, dimezzamento tassa disoccupazione, aumento posti di lavoro, l'alta velocità, emergenza rifiuti Napoli, abolizione Ici, detassazione straordinari, lotta alla mafia...



00:18 Segue un servizio che raccoglie le opinioni su Berlusconi da parte di persone vicine all'ex premier. Si alternano opinioni discordanti e favorevoli.


00:17 Berlusconi: "La situazione dei giovani è stata aggravata dal governo Monti"


00:14 Berlusconi sulla pressione fiscale sulle imprese: "Per intervenire su 806 miliardi di spesa e ridurre di un punto di PIL all'anno, serve la maggioranza del parlamento per riorganizzare le istituzioni. Bisogna ripetere queste cose perché gli italiani non ce l'hanno presente queste cose"



00:13 anche in questo caso Bruno Vespa riassume il pensiero di Berlusconi sul famoso imbroglio dello Spread. Berlusconi si alza in piedi e si complimenta con il giornalista.


00:10 La domanda di Marcello Sorgi, giornalista de La Stampa, riguarda la Lega e la riforma sulle pensioni: "Io voglio la maggioranza assoluta. Perché l'alleanza con la Lega? Perché non si sa mai"



00:07 Berlusconi sul terrorismo fiscale: "Il redditometro ha causato ansia anche a chi vuole essere a posto con il fisco."


00:05 Berlusconi sull'evasione: "Io ho combattuto di più l'evasione." Vespa corregge l'ex premier su alcuni dati e Berlusconi afferma: "Lei ha preso dalla Gruber". Poi scatta un altro siparietto: "Mi ha trattato malissimo quella santa donna della Gruber"


00:03 Berlusconi: "Quando abbiamo lasciato il governo, siamo rimasti per sostenere i tecnici. Non potevamo ritirare la fiducia sul decreto Salvavita, presentato solo 25 giorni dopo. Io e il mio governo saremmo stati definiti i responsabili della catastrofe italiana"


00:01 Berlusconi: "La casa è il pilastro sul quale ha fondato la sicurezza. Non si può aggravare con un'imposta così forte"



23:59 Berlusconi: "Per diminuire la pressione fiscale, occorre abolire l'Imu e non aumentare l'Iva"


23:56 entra in studio Maurizio Belpietro. La domanda verte sul dato che la ConfCommercio sui consumi definito il peggiore dal dopoguerra. Berlusconi: "Bisogna fare un'operazione che va nella direzione dei cittadini, delle imprese e delle spese dello Stato. I cittadini non devono avere ansia e preoccupazione. Anche i cittadini che hanno soldi non spendono. I cittadini non devono disperare sul futuro."


23:54 Berlusconi: "E' giusto che la Lombardia, la prima regione in Europa, aiuti le regioni meno fortunate come la Campania".


23:51 entra in studio, Virman Cusenza, direttore de Il Messaggero. Sull'alleanza con la Lega e la coesione con i governatori del Sud, Berlusconi afferma: "I governatori del Sud hanno dato il via libera su questo punto voluto dalla Lega. Considerando le spese dello Stato in ambito regionale si arriva al 72%. La Lega ha accettato di arrivare al 75%."


23:49 Un servizio riassume le diverse opinioni di Berlusconi nei confronti di Monti.


23:47 Berlusconi su Monti: "La sinistra l'ha già detto. Chi vota Monti, fa il gioco della sinistra. Monti era finto. Io lo volevo come federatore dei moderati per far ritornare sui suoi passi Casini. Casini va in tv, piace alla televisione, piace alle signore, anche se sono più bello io..."



23:45 Riguardo la spesa pubblica, Berlusconi aggiunge: "Sulle pensioni non sarà facile intervenire. Si può fare qualcosa sull'età in cui si dovrà andare in pensione. Io ho 76 anni, dormo tre ore al giorno, lavoro e rispondo alle sue domande".


23:42 Vespa chiede perché gli italiani dovrebbero rivotarlo visto che non è intervenuto sulla spesa pubblica. Berlusconi dà la colpa agli italiani che non sanno votare e poi aggiunge: "Mi basta il 40% per poter attuare le riforme".


23:39 Berlusconi: "Lo Stato costa troppo. Bisogna riorganizzarlo mettendo mano sui costi. Non sono riuscito a farlo a causa della mancanza dei poteri". Si apre un siparietto: Bruno Vespa ripete a manetta le parole di Berlusconi di questi giorni riguardo tutto quello che il premier non può fare. Berlusconi sorride e chiede un applauso.



23:36 Berlusconi: "Per le conferenze di servizio, ci sarà il silenzio assenso"


23:34 Berlusconi: "Il governo dei tecnici è stato lontanissimo dalla realtà. Non ha interpretato la disperazione della gente. Ha messo in atto le ingiunzioni dall'Europa che hanno portato una recensione gravissima che potrebbe portare al fallimento dello Stato"


23:29 Berlusconi commenta il servizio: "La situazione è grave. E' una tragedia vera e propria. Mi spiace dire che la politica di questo governo nell'ultimo anno abbia peggiorato la situazione. I consumi sono diminuiti, la produzione è diminuita, nelle aziende ci sono stati gli esuberi, la riforma Fornero ha reso difficile le assunzioni dei giovani. Serve qualcosa di eccezionale, ad esempio, potremmo dire alle imprese che, nel caso di assunzione di un giovane, non devono pagare i contributi e le tasse".



23:25 inizia la trasmissione con un servizio dedicato a Stefano, un cassaintegrato che con 600 euro deve mantenere una famiglia con due figli e pagare il mutuo.



Questa sera, Silvio Berlusconi sarà ospite di Porta a Porta, trasmissione di approfondimento giornalistico condotta da Bruno Vespa in seconda serata su Rai 1. Per l'ex premier, si tratta della seconda intervista a Porta a Porta in poche settimane, dopo la puntata andata in onda lo scorso 18 dicembre.


Di ritorno dopo le pausa natalizia, il programma di Bruno Vespa dedicherà le prossime puntate ai principali candidati alle prossime elezioni politiche: dopo la puntata dedicata a Berlusconi, infatti, domani sera sarà il turno di Pierluigi Bersani, leader del centro-sinistra, mentre lunedì 14 gennaio, Vespa intervisterà il candidato dei centristi, Mario Monti.


Tra le dichiarazioni di Berlusconi, che stasera riporteremo live su Polisblog, ne anticipiamo una nuova, mai proferita prima, riguardo una possibile idea per contrastare il fenomeno della disoccupazione giovanile:


Bisogna arrivare con qualcosa di eccezionale. Abbiamo 4 milioni di imprese in Italia, si potrebbe dire loro: "Se assumete anche una sola persona in più con un contratto a tempo indeterminato non pagherete per 3-4-5 anni né contributi previdenziali né tasse". E' come assumere qualcuno in nero.


Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO