Maugeri: condanna definitiva per Roberto Formigoni, si aprono le porte del carcere. Berlusconi: "Mi dispiace"

formigoni-in carcere

Per Roberto Formigoni si aprono le porte del carcere dopo la condanna definitiva in Cassazione a 5 anni e 10 mesi. L’ex governatore della Lombardia era accusato di corruzione nell’inchiesta sui presunti fondi neri della fondazione Maugeri. La Cassazione ha deciso oggi per la condanna definitiva dopo cinque ore di camera di consiglio. Già da venerdì potrebbero aprirsi le porte del carcere per Formigoni.

Trasmesso il dispositivo della sentenza degli ermellini, il sostituto procuratore generale titolare del fascicolo emetterà l'ordine di esecuzione della pena che verrà eseguito solo se Formigoni non si dovesse costituire di sua volontà, ipotesi che appare improbabile. I supremi giudici hanno comunque tagliato la pena al Celeste rispetto ai 7 anni e 6 mesi inflitti in primo grado dato che parte delle accuse, come quelle relative al San Raffaele, intanto sono andate prescritte.

Formigoni in ogni caso dovrebbe andare in carcere, anche perché la cosiddetta legge Spazzacorrotti inserisce la corruzione tra i reati che impediscono di chiedere misure alternative alla detenzione. La Cassazione ha poi rigettato il ricorso degli altri imputati e ha ritenuto inammissibile quello dell'unica donna sotto accusa, Carla Dites, assolta nei precedenti gradi di giudizio. Confermate invece le condanne a 7 anni e 7 mesi per l'ex direttore generale della Fondazione Maugeri Costantino Passerino e per l'imprenditore Carlo Farina, a 3 anni e 4 mesi.

Le accuse all’ex governatore della Lombardia

Secondo gli inquirenti tra il 1997 e il 2011, quando era governatore della Lombardia, Formigoni tramite alcune delibere della sua Giunta avrebbe favorito la fondazione Maugeri e il San Raffaele in cambio di utilità personali: celebri alle cronache le vacanze esclusive e in yacht del Celeste insieme all’ex assessore lombardo alla Sanità Antonio Simone e all’uomo d’affari Pierangelo Daccò. Entrambi hanno patteggiato la pena al processo d’appello, mentre per l'ex governatore la procura di Milano l’anno scorso aveva rigettato la richiesta.

Berlusconi: "Umanamente dispiaciuto per Roberto"

All'Adnkronos Silvio Berlusconi si dice "umanamente dispiaciuto per Roberto". Ma la solidarietà a Formigoni arriva un po’ da tutto il centrodestra. Per il presidente della Giunta per le autorizzazioni di Palazzo Madama Maurizio Gasparri: "L'atteggiamento della magistratura è noto. Resta comunque l'azione del governo in Lombardia condotta da Formigoni che ha raccolto tanti giudizi positivi".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO