Di Maio: "Legittima difesa non mi entusiasma, governo non cadrà sulla Tav"

di maio legittima difesa

Luigi Di Maio, ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, è stato stamane ospite di Radio Rtl 102.5. Il vicepremier del governo Conte è stato “incalzato” su diverse tematiche dell’attualità politica, tra cui la “legittima difesa”, che oggi dovrebbe essere approvata alla Camera dei Deputati. "Sicuramente questa è una legge della Lega. Come quando si è votata la legge contro la corruzione voluta dal M5S non è che ci fosse tutto questo entusiasmo nella Lega. Allo stesso modo - ammette D Maio - , quando si vota la legge sula legittima difesa, che è una legge che sta nel contratto e che per questo porteremo avanti perché noi siamo leali, non è che ci sia tutto questo entusiasmo nel M5S".

Intervistato durante la trasmissione "No stop news", Di Maio ha aggiunto anche che sulla Tav è d’accordo con il premier Giuseppe Conte "che il governo non e' a rischio, ma la soluzione che dobbiamo trovare deve soddisfare pienamente il nostro orientamento". La questione della Toirino-Lione sta diventando un vero e proprio tormentone e sta procurando alla maggioranza critiche e imbarazzi. Nonostante ciò, il ministro penta stellato lascia intendere che ci sarà ancora da discutere molto prima di arrivare ad una soluzione definitiva. "La decisione sulla Tav non deve essere ideologica ma deve fondarsi su un principio. Nelle prossime ore - prosegue - faremo una discussione ulteriore sui costi-benefici. È chiaro che la nostra posizione dovrà essere discussa con il Presidente Conte e con la Lega, ma se qualcuno oggi spera che su questo tema possa cadere il Governo si sbaglia. Noi siamo persone responsabili".

Di Maio: "Salario minimo prossimo obiettivo"

Da oggi si può fare domanda per ottenere il reddito di cittadinanza: tra polemiche e perplessità parte la misura che il movimento 5 Stelle ha voluto fortemente. "Oggi manteniamo una promessa: lo Stato si occupa degli invisibili, Di persone meravigliose ma sfortunate che sono state alla periferia di questo Paese e dei temi politici. Da oggi 5 milioni Di persone, potenzialmente, potranno accedere al reddito di cittadinanza". Quanto ai prossimi obiettivi del governo gialloverde, infine, Di Maio rilancia l’invito al nuovo Partito Democratico di Zingaretti: "Il salario minimo e il taglio del cuneo fiscale sono il mio prossimo obiettivo. Voglio iniziare un tavolo con Confindustria e i sindacati", coinvolgendo anche i dem.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO