Di Maio a Salvini: "Basta folklore"

Di Maio ha inviato un messaggio a Salvini: "non si può pensare di continuare con la narrazione della crisi"

Luigi Di Maio ha deciso ancora una volta di rispondere a Salvini attraverso Facebook. Oggi il leader della Lega ha commentato la "non-soluzione" trovata da Conte per la TAV, che ha chiesto un rinvio di 6 mesi dei bandi a TELT, la società italo-francese che si occupa della progettazione e della realizzazione della tratta Torino-Lione. Salvini ha ribadito che "non ci sarà nessuna crisi di governo" ed anche che lui resta "convinto che si debba fare". Non esattamente parole di distensione nei confronti dei 5 Stelle, fermi sulla posizione opposta.

Nei giorni scorsi, però, Salvini si era anche spinto più in là dicendo di essere pronto ad "andare fino in fondo" per vedere "chi ha la testa più dura". Una sfida aperta, insomma, all'azionista di maggioranza di questo Governo. I toni minacciosi di Salvini non sono piaciuti a Di Maio che ha accusato il vicepremier leghista di preferire il folklore al bene del Paese: "Dobbiamo andare avanti con grande senso di responsabilità. Ma il Paese ha bisogno di tranquillità: non si può pensare di continuare con la narrazione della crisi. 'Andiamo fino in fondo', 'vediamo chi ha la testa più dura', è folklore, folklorismo. Io sono qui per dare tranquillità agli italiani e non dare sempre tensione".

Nonostante il momento di totale stallo, Di Maio ha comunque trovato dei motivi per esultare: "Volevo darvi una buona notizia per il Paese: il governo va avanti. Oggi abbiamo ottenuto un grande successo che è il rispetto del contratto di governo che non è un successo per una delle parti politiche ma per gli italiani. Far rispettare il contratto di governo è innanzitutto rispetto dei soldi delle tasse che voi italiani pagate: abbiamo chiesto di non vincolare i vostri soldi a un'opera messa in discussione da un'analisi costi-benefici".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO