Via della Seta, Di Maio: "Io oggi dico Italia First: firmiamo con la Cina, ma restiamo alleati degli USA"

Il ministro dello Sviluppo Economico sostiene che il memorandum aiuti le imprese italiane a esportare nel mondo. "Salvini non ha chiesto niente in cambio".

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio oggi si è fermato a parlare con i giornalisti subito dopo un vertice di governo sul memorandum relativo alla Via della Sera e ha spiegato:

"La Via della Seta si firmerà ed è un memorandum of understanding che permetterà alle imprese italiane di esportare di più nel mondo e quindi anche in Cina. È una buona occasione per la nostra economia e per le nostre aziende. Ho letto che gli Stati Uniti sono preoccupati: non hanno niente di cui preoccuparsi perché restano il nostro principale alleato. Anzi, io ho apprezzato a suo tempo Trump quando ha detto 'America First' e allora io dico adesso 'Italia First': miriamo a tutelare gli interessi dei nostri imprenditori che vogliono esportare il Made in Italy nel mondo, facciamo degli accordi commerciali che non sono accordi politici, ma restiamo alleati degli Stati Uniti, restiamo nella NATO, restiamo all'interno del Patto dei Paesi Occidentali. Poi è chiaro che la firma di questo memorandum rappresenta un'occasione per tante aziende italiane. Dopo tanti anni in cui la Cina esportava in Italia, l'Italia inizia a esportare in Cina le proprie eccellenze"

Poi Di Maio ha specificato che non c'è alcuno scambio con la Lega Via della Seta-F35:

"La questione F35 è nelle mani del Presidente Conte e della ministra Trenta, è lei il ministro della Difesa. Sugli F35 io penso che il M5S debba continuare a chiedere di rivisitare questo progetto. Quelli che erano gli arretrati li abbiamo pagati perché non ci facciamo parlare dietro da nessuno, ma adesso bisogna rivisitare il progetto per una semplice ragione: magari dobbiamo recuperare risorse per investirle in cyber sicurezza. Ho sentito dire che se non ci muoviamo la Francia e la Germania ci superano nell'acquisto degli F35, io ricordo che Francia e Germania non hanno acquistato neanche un F35. La Francia perché ha una sua industria da sempre, mentre la Germania ha deciso di acquistare gli Euro Fighter"

E ha ribadito:

"Non c'è stato nessuno scambio, perché ogni volta che il M5S ottiene qualcosa volete sapere che cosa ha chiesto Salvini: Salvini non ha chiesto niente"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO