Strage moschee: morto l’eroe che ha disarmato Brenton Tarrant

Per molti è l’eroe della strage delle moschee in Nuova Zelanda. Naeem Rashid, l’uomo che secondo i media locali ha disarmato l’attentatore Brenton Tarrant, è morto oggi in ospedale a causa delle gravi ferite riportate. Rashid aveva già perso il figlio nell’attentato alle moschee di Christchurch che ha provocato in tutto 49 morti.

L’uomo, secondo alcuni testimoni, ha lottato contro il 28enne australiano autore della strage nella moschea di Linwood (moschea di Masjid Al Noor) riuscendo a disarmarlo a mani nude. Rashid, di origini pachistane, era un insegnante ma si occupava anche del luogo di culto.

Già ferito gravemente dai colpi di mitra esplosi dal suprematista australiano, l’eroe di Christchurch ha affrontato senza nessuna arma Tarrant, riuscendo a strappandogli il mitra dalle mani. Rashid avrebbe poi cercato di colpire Tarrant con la sua stessa arma ma non essendo pratico non sarebbe riuscito a premere il grilletto dando la possibilità al killer di fuggire fuori dalla moschea dove i suoi complici lo aspettavano in un’auto.

La testimonianza sull’eroe della strage nelle moschee di ieri, per un bilancio che avrebbe potuto essere ancora più grave, è stata fornita da uno dei sopravvissuti alla mattanza, Syed Mazharuddin, che ha raccontato quanto visto con i suoi occhi al "New Zealand Herald", come riferisce Tgcom24. Nella moschea di Linwood sono state 7 le vittime fatte dall’attentatore, 41 invece i morti nella moschea di Deans Avenue, colpita per prima da Brenton Tarrant.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO