Politica e televisione: Di Pietro lancia la sfida a Berlusconi

Mentre sul web fa sorridere o gridare allo scandalo il video di cui sopra, in cui durante Domenica In una battuta neanche tanto ironica su Berlusconi fa scattare il panico in maniera veramente tragicomica, non fosse per la tristezza che suscita per quella inevitabile sensazione di conformismo all'italiana, Di Pietro lancia la sfida per un (improbabile) duello tv a Berlusconi.

Tuona dal suo blog il leader dell'Idv:

"L'allergia alla magistratura del presidente del Consiglio non e' stagionale, e' permanente. I riflettori sul terremoto dell'informazione, quella alternativa ovviamente, e le indagini avviate dalla magistratura disturbano la campagna elettorale permanente di Silvio Berlusconi in Abruzzo.

Oltre gli scatti con bambini ed anziani usati come oggetti della miglior propaganda del Ventennio e il dispiegamento operoso della Protezione civile, oltre questo, i fatti sono a zero. E questo imbarazzo lo spinge a visitare continuamente l'Abruzzo per attirare su di se' i riflettori ma anche per coprire le sempre piu' chiare responsabilita' che emergono giorno per giorno sulla tragedia che ha sacrificato 294 vite umane".

E aggiunge: "L'Abruzzo non ha bisogno di pacche sulla spalla, foto con anziani e bambini, e lacrime di coccodrillo, ha bisogno di fatti, soldi e giustizia. Le responsabilita' in questa tragedia, che ci sono, devono essere individuate subito per rispetto delle vittime e dei loro familiari.

Signor Berlusconi, venga a confrontarsi in una delle sue sei televisioni, piuttosto che censurare un vignettista. Scelga come moderatore uno a caso dei suoi lacche' di prima serata o uno qualsiasi dei suoi 'volti nuovi' della Rai scelti a Palazzo Grazioli, io ci saro". Volontà di confronto, strategia elettorale (ai danni del Pd) o semplice protagonismo?

  • shares
  • Mail
54 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO