Regionali Lombardia: Fermare il declino candida Carlo Maria Pinardi


Si riempie un'altra casella nelle candidature per le elezioni regionali lombarde del prossimo 24 e 25 febbraio. Dopo Umberto Ambrosoli per il centrosinistra, Gabriele Albertini per i montiani, Roberto Maroni per Pdl e Lega e Silvana Carcano per il Movimento 5 Stelle, tocca a Carlo Maria Pinardi: classe 1957, "bocconiano" docente di finanza aziendale, è anche editorialista per il Corriere economia. Sarà lui il candidato per il movimento Fare per Fermare il declino guidato da Oscar Giannino, protagonista assoluto nella odierna conferenza stampa di presentazione delle candidature.

Deciso a correre da solo anche alle Regionali nonostante le possibilità di alleanza, Giannino ne approfitta per togliersi dei sassolini dalla scarpa. Suo bersaglio principale è Roberto Maroni: già ieri Giannino aveva raccontato di aver ricevuto un sms dal segretario leghista prima che questi incontrasse Berlusconi, "vado ad Arcore per rompere". Una scelta che avrebbe portato a un'alleanza tra il Carroccio e Fid, poi le cose sono andate diversamente. Giannino non nasconde la delusione per il comportamento di Maroni e spiega:

"Il vero problema non è quante tasse vengono amministrate dai governi locali, come Maroni ripete spesso, bensì come abbassarle"

Ma Maroni non è l'unico ad aver deluso Oscar Giannino: ce n'è anche per Gabriele Albertini. Il candidato premier di Fid racconta di aver proposto ad Albertini di candidarsi senza partiti alle spalle e come rappresentante della società civile, ma l'ex sindaco di Milano aveva rivendicato la propria appartenenza al Pdl. Poi però quando il Pdl lo ha scaricato, Albertini è rimasto in campo

"Ora Albertini si candida anche al Senato nella lista Monti: così ammette che in Lombardia non ce la farà e, quel che è peggio, si presta all'operazione di interdizione del centro nei confronti della sinistra, che è cosa nemmeno da seconda, ma da prima repubblica"

Parole diverse Giannino le dedica invece a Umberto Ambrosoli, tanto da far presagire un accordo post-elettorale se Fid riuscirà ad entrare al Pirellone:

Rispetto agli altri candidati che dicono tre cose diverse, Ambrosoli dice una cosa e la fa. Per lui c'è apprezzamento, ma dipende se riuscirà a concretizzare alcune posizioni di svolta che condividiamo, ad esempio sulla sanità. Se lo farà noi convergeremo

Foto: fermareildeclino.it

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO