Airola: "Non ci sono più bombaroli di una volta". Frase cancellata dopo le polemiche

"Siete troppo ignoranti per fare i bombaroli. Quelli bravi di una volta sapevano chi colpire e pagavano di persona, evidentemente di gente così, non ce n'è più. È rimasta la feccia peggiore". Così si chiudeva il post su FB del Senatore Airola (M5S) con il quale commentava la notizia del pacco bomba spedito alla Sindaca Appendino. Un post di sfogo, sicuramente non degno di un Senatore della Repubblica, nel quale Airola invitava anche i responsabili di questo atto di codardia a fare "un salto a casa sua" per fargli "ingoiare il loro c*zzo di pacco".

Un post, insomma, sopra le righe. La frase finale sui "bombaroli di una volta" non è piaciuta per niente ai suoi sostenitori, che l'hanno invitato a più riprese a chiarire il senso delle sue parole ed anche a cancellare il post. Il senatore ha quindi deciso questa mattina di fare un passo indietro fornendo questa spiegazione: "Ho tolto la frase perché poteva essere offensiva, non mi riferivo ai terroristi ma a chi a fine 800 e primi 900 cercava di fare la rivoluzione".

Dopo l'inopportuno sfogo di ieri sera, Airola questa mattina ha pubblicato una nota ufficiale decisamente più confacente: "Le minacce non fermeranno la sindaca di Torino Chiara Appendino, a cui va tutta la mia solidarietà per il pacco bomba che le è stato recapitato. Evidentemente, l'azione che sta portando avanti per ridare dignità a Torino scontenta qualcuno. Questi atti intimidatori sono vili e vergognosi. Alla sindaca dico di andare avanti, noi siamo al suo fianco".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO