Alan Kurdi non entra in acque italiane, braccio di ferro Italia-Germania (VIDEO)

La Alan Kurdi, la nave della ONG tedesca Sea Eye con a bordo 64 migranti, che sperava di poter sbarcare a Lampedusa prima di ricevere l’altolà del ministro dell’Interno Matteo Salvini, si è mantenuta per tutta la notte fuori dalle acque territoriali italiane, a poche miglia dall’isola.

I migranti erano stati soccorsi mercoledì scorso al largo della costa libica di Zuwarah. Il comandante ha quindi rispettato il divieto del Ministero dell’Interno, che ha rigettato la richiesta di sbarco in un porto sicuro, mentre la Farnesina ha indirizzato una dura nota verbale alla Germania, paese di cui la nave della ONG batte bandiera, invitandola ad assumersi le proprie responsabilità.

Ricordiamo che la Alan Kurdi è l’unica nave umanitaria rimasta attiva nel Mediterraneo centrale. A bordo del natante che si trova al largo di Lampedusa ci sono anche dodici donne e due bambini.

Le autorità italiane e tedesche starebbero trattando per cercare di arrivare a una soluzione fermo restando che il Viminale ha confermato il suo "porti chiusi" (anche se qualche settimana fa proprio a Lampedusa la Mare Jonio è sbarcata) intimando a Polizia e Marina di imporre il divieto di ingresso in acque italiane all’Alan Kurdi.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO