Istat: "Qualche segnale positivo dal Pil, ma economia resta debole"

pil istat

L’Istat ha pubblicato la nota relativa all’andamento della crescita nel mese di marzo 2019: ebbene, l’Istituto di Statistica sottolinea che "nonostante alcuni segnali positivi, i dati congiunturali descrivono complessivamente una fase di debolezza dell'economia italiana". Aldilà dei fattori interni, l’Istat evidenzia che sul Pil italiano gravino anche "le prospettive dell'economia internazionale caratterizzate dalla presenza di rischi al ribasso", ad esempio "l'incognita Brexit e i negoziati tra Stati Uniti e Cina ancora in corso".

Dalla fotografia dell’Italia relativa al mese scorso emerge che la produzione industriale ha registrato un miglioramento degli ordinativi, mentre dal punto di vista del mercato del lavoro c’è una sostanziale stabilità. Purtroppo, torna a crescere la disoccupazione e l’aumento dei consumi è solo una conseguenza della riduzione della propensione al risparmio. Per farla breve, le famiglie hanno speso di più non perché abbiano guadagnato di più, ma semplicemente perché hanno attinto ai risparmi che avevano da parte.

Cala dunque il reddito disponibile lordo delle famiglie consumatrici e inoltre la nota conclude che, in un contesto europeo di decelerazione dell'inflazione, permane il differenziale inflazionistico a favore dell'Italia. Confermato l’indebolimento della fiducia di imprese e consumatori.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO