La Brexit slitta al 31 ottobre: accordo tra UK e Unione Europea

Dopo oltre 5 ore di discussione a Bruxelles, i leader dei 27 Paesi dell'UE hanno deciso di concedere al Regno Unito un ulteriore slittamento per la Brexit, ora fissata al 31 ottobre 2019.

Sei mesi aggiuntivi che permetteranno al governo di Theresa May di superare lo stallo raggiunto dalla Camera dei Comuni e scongiurare la possibilità per il Regno Unito di lasciare l'Unione Europea senza alcun tipo di accordo. Il 31 ottobre sarà quindi la data entro la quale la Brexit dovrà avvenire, ma l'auspicio di May resta quello di concludere la questione molto prima.

May, infatti, era pronta a chiedere un'estensione più breve all'UE - una prima breve estensione era stata già concessa e la premier britannica non ha saputo sfruttarla al meglio - ed evitare così di dover prendere parte alle elezioni europee del maggio prossimo. Ora, però, il Regno Unito è di fronte ad un nuovo bivio: se non parteciperà alle elezioni, dovrà comunque lasciare l'UE entro il 1° giugno, senza alcun tipo di accordo.

Al di là di questa nuova estensione, lo stallo è ancora in corso. L'UE non è disposta a negoziare un nuovo accordo e l'unica possibilità in mano della premier britannica è quella di convincere i deputati inglesi ad approvare quello già raggiunto e già bocciato per ben tre volte dalla Camera dei Comuni.

Theresa May a Bruxelles

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO