Dramma Migranti, i vescovi europei contro i populisti: "Vergogna" | Mattarella: "Pesano le preoccupazioni elettorali"

In vista delle prossime elezioni europee del 23-26 maggio, il presidente dei vescovi europei, l'arcivescovo del Lussemburgo Jean-Claude Hollerich, critica i partiti politici populisti che costruiscono il loro consenso soffiando sul vento della paura e della discriminazione.

L'angoscia è "una paura senza un oggetto concreto" che "destabilizza l’uomo" ed è proprio "la molteplicità di paure vaghe" che "portano a tale angoscia" spiega l’alto prelato su La Civiltà Cattolica.

Secondo il presidente dei vescovi europei "alcune politiche populiste ne approfittano e danno un nome agli oggetti di tali paure, che allora possono trasformarsi in aggressività. Per rimuovere le nostre paure ci vengono presentati dei nemici: i migranti, l'islam, gli ebrei eccetera. Che gioco infame con le nostre paure!".

Per l’arcivescovo "il dramma dei rifugiati e dei migranti è una vergogna per l’Europa" con il Mar Mediterraneo che si è trasformato in un "immenso cimitero". Il presule parla della "durezza di cuore" che permette di "accettare la morte dei nostri fratelli e sorelle piuttosto che condividere un poco del nostro benessere!".

Di migranti e della necessità di un intervento comune europeo oggi parla anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervistato da Politique Internationale: "Soltanto una soluzione europea può consentirci di padroneggiare un fenomeno che rischia di scuotere il continente. Questo sarà uno dei temi principali della prossima legislatura europea".

Secondo il Capo dello Stato: "Che la solidarietà sia mancata è un fatto di cui non si può che prendere atto. La maggior parte dei governi ha reagito in funzione di preoccupazioni elettorali interne e ciò ha impedito loro di dare una risposta comune a questo fenomeno senza precedenti".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO