L'hashtag #licenzia_LUCA_MORISI_ impazza sul web. La richiesta anche al Quirinale

Gli utenti chiedono a Salvini di licenziare il suo spin doctor.

Il giorno dopo l'infelice uscita di Luca Morisi sui social, il suo post per niente "pasquale" in cui ha usato un linguaggio guerrafondaio fa ancora parlare di sé, tanto che su Twitter è entrato tra i trend topic l'hashtag #licenzia_LUCA_MORISI_.

L'appello degli utenti è ovviamente rivolto a Matteo Salvini, affinché licenzi il suo spin doctor, ma è chiaro che il ministro dell'Interno, che deve gran parte del suo successo proprio alla gestione dei social network da parte del costoso team capitanato proprio da Morisi, non ha intenzione di licenziarlo davvero, né tantomeno di chiedere scusa. D'altronde non lo ha mai fatto, nemmeno quando ha messo nei guai giovani ragazze colpevoli di dissentire con lui.

#licenzia_LUCA_MORISI_ ha ottenuto in pochissimo tempo decine di migliaia di adesioni perché gli utenti fanno notare che un team social che costa 700mila euro non a Salvini, ma ai contribuenti, non può creare post guerrafondai che incitano all'odio.

Tra l'altro in tanti si stupiscono del fatto che Facebook non abbia rimosso il post, ma il motivo è che sul noto social network fondato da Mark Zuckerberg non si possono creare post sponsorizzati sulle armi, ma tutto il resto (per ora) è consentito e il post di Morisi rientra in "tutto il resto". D'altronde non è che nella foto Salvini stia allattando un bebè... sta solo imbracciando un mitra.

Intanto, proprio perché è ovvio che Salvini non muoverà un dito per licenziar e Morisi e che lo stesso Morisi non chiederà scusa, molti utenti vogliono interpellare direttamente il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, al quale chiedono di intervenire in questa situazione, visto che, fondamentalmente, Morisi ora è un dipendente statale, pagato con i soldi dello Stato e dunque degli italiani.

Licenzia Luca Morisi

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO