Libia: "In 100mila pronti a partire per l'Italia"

"Arriva a circa 100mila il numero complessivo dei migranti posizionati lungo tutta la costa libica, che sarebbero pronti ad imbarcarsi per l’Italia appena dovessero ricevere il segnale di farlo". Questo è quanto ha scritto La Stampa citando i rapporti dell'intelligence italiana, che sottolinea i pericoli per il nostro Paese legati all'offensiva del Generale Haftar sulla tripolitania.

"Se l’offensiva lanciata dal generale Haftar contro Tripoli si trasformasse in una guerra riconosciuta ufficialmente come tale dall’Onu, lo status legale di queste persone cambierebbe, e per il governo italiano diventerebbe impossibile rifiutare di aiutarle". Sono circa 6mila i profughi pronti a partire in questo momento, ma "la stima complessiva più realistica, effettuata sul campo, dice invece che lungo l’intera costa libica ci sono circa centomila esseri umani praticamente con i piedi nell’acqua. Alcuni si qualificano come rifugiati, e altri come migranti".

Naturalmente ai migranti provenienti dall'Africa subsahariana, andrebbero sommati anche i cittadini libici che, allo scoppio di una guerra civile su larga scala, inizierebbero a cercare un rifugio per sottrarsi al conflitto.

Solo una soluzione politica potrebbe mettere al riparo il nostro Paese dal dover gestire una nuova ondata migratoria.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO