25 aprile, le celebrazioni di Conte e Mattarella. Il Premier: "Basta pregiudizi e divisioni" | Foto e video

Mattarella e Trenta hanno deposto una corona sul monumento del Milite Ignoto.

Questa mattina, poco dopo le 9, il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, accompagnato dalla ministra della Difesa Elisabetta Trenta, ha aperto le celebrazioni del 25 aprile, giorno della festa della Liberazione dal nazifascismo, deponendo una corona di fiori sull'Altare della Patria a Piazza Venezia, a Roma, come da tradizione. Presenti anche la sindaca di Roma Virginia Raggi, in questi giorni alle prese con le polemiche con Matteo Salvini, e il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, che è anche segretario del PD.

Le celebrazioni del Presidente Mattarella proseguono a Vittorio Veneto, mentre il Premier Giuseppe Conte, anch'egli accompagnato dalla ministra Trenta e dalla sindaca Raggi, si è recato presso le Fosse Ardeatine. Il Presidente del Consiglio, in una intervista pubblicata oggi da Repubblica, ha spiegato:

"Questa data, nonostante ricordi la liberazione dal nazifascismo e sia quindi, per la nostra Nazione, l'anniversario della riconquistata libertà, continua a essere da taluni percepita, a torto, come la celebrazione della vittoria di una parte degli italiani sull'altra. È una festa che in parte suscita echi di conflitti ideologici, forse perché quella che abbiamo vissuto è stata la guerra divisiva per eccellenza, una guerra civile"

E ha aggiunto:

"Penso che questa giornata non debba essere vissuta riproponendo antiche divisioni o vecchi pregiudizi. È il giorno in cui abbiamo riconquistato la nostra indipendenza, che ha avviato la rinascita della nazione e nel quale possiamo tutti rinvenire le radici del nostro patto costituzionale"

Giuseppe Conte alle Fosse Ardeatine

Foto © Quirinale

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO