Istat: PIL 2019 in netto rallentamento rispetto al 2018

Dal +1,3% previsto in precedenza al +0,3%.

Stime Istat PIL 2019 - Netto rallentamento

Questa mattina l'Istat ha pubblicato il suo report sulle "Prospettive per l'economia italiana nel 2019" e ha spiegato che per l'anno corrente il Prodotto interno lordo è previsto crescere solo dello 0,3% e non dell'1,3% come era stato previsto in precedente. Si registra dunque un netto rallentamento rispetto all'anno precedente, quando la crescita è stata dello 0,9%.

L'Istituto di statistica nazionale spiega anche che quest'anno l'unico contributo positivo alla crescita del Pil è dato dalla domanda interna al netto delle scorte, mentre l'apporto della domanda estera netta e della variazione delle scorte sono nulli.

Anche la spesa delle famiglie e delle istituzioni sociali private al servizio delle famiglie è in rallentamento rispetto all'anno scorso, perché in termini reali se ne stima una crescita solo dello 0,5%. Inoltre è prevista una decisa decelerazione negli investimenti.

Un punto preoccupante del report dell'Istat riguarda il mercato del lavoro, poiché la decelerazione dei ritmi produttivi inciderebbe anche su di esso. Si prevede infatti che l'occupazione rimanga sui livelli del 2018, quindi con un +0,15ì%, ma che aumenti lievemente il tasso di disoccupazione, al 10,8%. Per quanto riguarda le retribuzioni lorde per unità di lavoro dipendente dovrebbero evolvere in linea con il delatore della spesa delle famiglie residenti, ossia +0,9%.

L'Istat spiega infine che l'attuale scenario di previsione è caratterizzato da alcuni rischi al ribasso che sono rappresentati da una ulteriore moderazione del commercio internazionale e anche da un possibile peggioramento delle condizioni creditizie che è strettamente dipendente dall'incertezza e dall'evoluzione negativa degli scenari politici ed economici internazionali.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO