Salvini vuole eliminare l'abuso d'ufficio: "Scommetto sulla buona fede degli italiani"

Matteo Salvini a Milano

Il leader della Lega Matteo Salvini, all'indomani della decisione di rinviare il Cdm alla settimana prossima, dopo le elezioni europee, si è messo subito al lavoro per giocare le ultime cartucce della campagna elettorale e, intervenuto questa mattina a Radio Anch'io su Radio 1 Rai, ha già anticipato che se la Lega sarà il primo partito in Italia, la priorità assoluta del governo sarà la flat tax che il Movimento 5 Stelle non sembra voler digerire:

In Italia non chiedo mezza poltrona in più, c'è un contratto, ovviamente se la Lega sarà forte come tutti suppongono, se la Lega sarà primo partito in Italia e io spero anche in Europa, avremo più forza per difendere gli interessi italiani e ovviamente le tematiche, di cui parlavamo, riduzione fiscale in primis.

Il Ministero dell'Interno è voluto prima intervenire sulla polemica, montata in queste ore, legata alle commemorazioni per l'anniversario della strage di Capaci del 23 maggio 1992 in cui persero la vita il magistrato Giovanni Falcone, sua moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro.

Claudio Fava, Presidente della Commissione Antimafia dell'ARS, e Nello Musumeci, Presidente della Regione Siciliana, hanno annunciato di non voler partecipare alle celebrazioni nell'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo proprio a causa della presenza di Matteo Salvini. Su questa defezione il leader della Lega ha le idee chiare:

Chi si divide sulla lotta alla mafia sbaglia. Chiunque usi una giornata come questa per attacchi politici non fa un torto a Salvini ma al Paese.

Ma l'intervista radiofonica è stata usata da Matteo Salvini anche per ribadire un tema a lui molto caro da qualche ora: l'intenzione di abolire il reato di abuso d'ufficio. Questo perchè, secondo Salvini, ci sono dei "sindaci che non firmano niente per paura di essere indagati". La soluzione, quindi, sarebbe quella di togliere del tutto il reato. In un Paese in cui la corruzione è dilagante e domina le prime pagine di tutti i quotidiani, Salvini vuole invece puntare sulla buona fede degli italiani:

Io voglio scommettere sulla buona fede degli italiani, degli imprenditori, degli artigiani, dei sindaci. Abbiamo una burocrazia e una paura di firmare atti, aprire cantieri, sistemare scuole, ospedali. Assolutamente. Io non so cosa fanno Berlusconi, Renzi, Monti, Di Maio, io faccio quello che ritengo sia giusto per gli italiani, bisogna togliere burocrazia, togliere vincoli, fare, liberare. Se per paura che qualcuno rubi blocchiamo tutto e allora mettiamo il cartello affittasi ai confini dell'Italia e ci offriamo alla prima multinazionale cinese che arriva. Se uno ruba e lo becco, lo metto in galera e se ruba da pubblico ufficiale si prende il doppio della pena ma non possiamo per presunzione di colpevolezza bloccare tutto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO