Salvini: "Nessun ultimatum di 30 giorni a Di Maio"

salvini di maio ultimatum

Matteo Salvini nega di aver dato alcun ultimatum all’alleato di governo Luigi Di Maio. Il ministro dell’Interno smentisce così il titolo di La Repubblica secondo il quale dopo il risultato delle Europee Salvini darà 30 giorni di tempo al Movimento 5 Stelle. Insomma, il governo andrà avanti, ma dietro l’angolo ci sono provvedimenti sui quali i due partiti di maggioranza sono divisi, a partire dalla TAV. Intanto dall’Europa sta per essere recapitata all’Italia la lettera d’infrazione per il debito.

"Adesso vediamo se arriva la letterina - le parole di Salvini ospite stamattina di Rtl - e ci multano per i debiti del passato chiedendoci 3 miliardi. Vi pare che in un momento storico in cui c'è una disoccupazione giovanile del 50% in alcune regioni italiane, in cui dobbiamo assumere in fretta medici e infermieri, da Bruxelles qualcuno in nome di regole del passato ci chieda 3 miliardi di multa e a settembre 20 miliardi di aumento di tasse? Ogni mia energia sarà usata per cambiare queste regole vecchie e superate. Il voto di domenica è stato una sfiducia nei confronti dell'Europa fondata sui tagli. Ora, se vogliono, i leader si mettono al tavolo e mettono al centro il lavoro, il tasso di disoccupazione, l'economia reale rispetto allo spread e alla finanza".

Salvini: "Sto facendo di tutto per Roma"

Contestualmente, Salvini non ha lesinato una stoccata a Virginia Raggi, affermando che la Lega non si farà trovare impreparata qualora si dovesse tornare al voto per eleggere il primo cittadino della capitale.

"Io da ministro per i romani sto cercando di fare di tutto - continua Salvini - , mandando poliziotti, telecamere, facendo direttive. Poi il giudizio sul sindaco lo danno gli elettori quando votano".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO