Movimento 5 Stelle e il simbolo "rubato": Grillo ne ha registrato uno uguale

Il caso del doppio simbolo del Movimento Cinque Stelle ha turbato Beppe Grillo, presentatosi personalmente per depositare il "suo" simbolo della lista salvo scoprire di essere stato anticipato da Andrea Massimiliano Danilo Foti, nato a Catania il 31 Luglio 1976. Lo sconosciuto ha depositato un simbolo del tutto simile a quello del M5S, ma privo dell'indicazione sul fondo "Beppegrillo.it", quanto basta per rischiare che il simbolo dell'autentica lista di Grillo venga esclusa, almeno in teoria.

In realtà, come Grillo dovrebbe sapere, questo "pericolo" è e rimane del tutto ipotetico. Le persone vicine al comico/politico non sono degli sprovveduti e negli archivi del Ministero per lo Sviluppo Economico, sezione marchi e brevetti, spunta un'arma grazie alla quale sarà facilissimo dimostrare che il signor Foti ha commesso un illecito appropriandosi di qualcosa palesemente non sua.

Si è fatto notare che i due simboli presentati sono "diversi", il colore e la dimensione delle stelle, ad esempio. Il fatto è che il signor Giuseppe Grillo non ha registrato soltanto il simbolo con il "beppegrillo.it" nella parte bassa, ma è anche titolare di questo marchio, nella descrizione indicato come "figura di un cerchio al cui interno sono disposte cinque stelle e la parola " movimento " con " v " in carattere di fantasia (marchio figurativo)" per "servizi resi in campo politico, civico e sociale".

In sostanza Grillo si era già tutelato nei confronti di quanti avrebbero potuto sfruttare la versione senza l'indicazione del suo blog per registrare un simbolo simile, sarà relativamente semplice far valere i propri diritti nonostante il signor Foti abbia nominalmente presentato prima la sua lista clone.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO