M5s, Paragone: “Vanno rivisti i quattro incarichi di Di Maio"

A poche ore dai risultati delle elezioni europee, il Movimento 5 Stelle si trova di nuovo davanti a dover fare i conti con un importante calo nei consensi a poco più di un anno dalle elezioni politiche del 2018 e le tensioni interne sono inevitabili, con una parte dei pentastellati che arrivano a mettere in dubbio la leadership di Luigi Di Maio.

A rompere il silenzio ci ha pensato il senatore M5S Gianluigi Paragone, secondo il quale è giunto il momento di dare al movimento un po' di discontinuità. Dopo le dimissioni di Primo Di Nicola, Paragone non ha dubbi:

Che ci sia bisogno di discontinuità è fuor di dubbio, che la discontinuità di debba esaurire con nella decisioni di Primo credo di no.

Parlando dell'assemblea dei parlamentari M5S prevista per la giornata di domani, mercoledì 29 maggio, Paragone ha spiegato che quella sarà

il luogo idoneo per maturare una scelta tutti insieme. Per me la generosità di Luigi Di Maio di mettere insieme tre, quattro incarichi deve essere rivista perché il Movimento per ripartire ha bisogno di una leadership politica h24. Dobbiamo tornare dall’io al noi’.

Questo, però, vorrebbe dire ridurre ancora di più il potere di Luigi Di Maio al governo, con Matteo Salvini che ha già iniziato a dettare la linea per i prossimi mesi dopo il trionfo della Lega al 34%. Come risponderà il diretto interessato alla richiesta dei colleghi di movimento di ridurre un po' la mole di lavoro e lasciar spazio ad altre figure?

Gianluigi Paragone e Luigi Di Maio

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO