Di Battista: "Abbiamo fatto un mucchio di cazzate politiche e strategiche"

alessandro-di-battista-italia-provinciale.jpg

Alessandro Di Battista sembra pronto a tornare alla carica all'interno del Movimento 5 Stelle dopo mesi di misterioso divorzio che sembra essersi concluso con la sua partecipazione all'evento conclusivo della campagna elettorale di M5S la scorsa settimana. Ora che alcuni pentastellati stanno mettendo in dubbio la leadership di Luigi Di Maio, Di Battista torna più presente e parla senza mezzi termini di un "momento di difficoltà" e di un "grande schiaffo" al Movimento 5 Stelle.

In un lungo post pubblicato oggi su Facebook, Di Battista commenta i risultati delle elezioni europee:

È un momento di difficoltà. D'altro canto abbiamo appena preso la più grande “scoppola” della nostra vita ma, credetemi, di momenti drammatici nella nostra storia ne abbiamo vissuti molti altri. E quindi ora basta, ora si ricomincia come sempre. Da dove? Dai volti di giubilo di politici e commentatori TV che si vedono in queste ore. Li vedete non è vero? Fantasticano l'implosione del Movimento e credono di essersi salvati. Quei volti di giubilo siano la nostra più grande motivazione. Gli orgasmi televisivi di personaggi privi di passione e di ideali, personaggi politicamente frigidi capaci di gioire solo del risultato del Movimento ci diano forza e coraggio. Fino a che ci saranno così tanti avversari, ma che dico avversari, nemici dell'interesse collettivo il Movimento avrà ragione di esistere.

Di Battista se la prende con chi sta commentando il flop del Movimento 5 Stelle dopo il voto di domenica - non è la prima volta che i pentastellati preferiscono puntare il dito verso l'esterno - ma poi dimostra anche un po' di capacità di autoanalisi quando si rivolge direttamente agli attivisti e agli elettori di M5S:

Dateci una mano. Sosteneteci come avete sempre fatto. Abbiamo fatto un mucchio di cazzate evidentemente. Cazzate politiche, strategiche, comunicative, di atteggiamento. Ma ricordatevi due cose. La prima è che non abbiamo mai messo le mani nelle tasche degli italiani e la seconda, la più importante, è che ci vedrete anche in TV, sulle pagine dei giornali, inseguiti per una dichiarazione, ma siamo cittadini, cittadini normali, come voi, come tutti e abbiamo bisogno di una mano.

Dibba lascia intendere di aver già parlato con Luigi Di Maio - "Chi è in difficoltà va sempre sostenuto. Va sostenuto dicendogli in faccia cosa non è andato bene e proponendo idee e cambiamenti. Io l'ho fatto, ovviamente, anche in queste ore" - e sottolinea che nonostante la vittoria della Lega alle europee, a trionfare nelle elezioni che "danno i numeri in Parlamento" è stato comunque il Movimento 5 Stelle nel marzo dello scorso anno. E questo, a conti fatti, è quello che importa in questo momento:

Ce la faremo anche questa volta. Basta mantenere la barra dritta. La Lega ha vinto le elezioni? Amen. Quelle che danno i numeri in Parlamento le abbiamo vinte noi. Quindi, come sempre, si vota ciò che è giusto e si bloccano le porcate.

Alessandro Di Battista è pronto a fare le scarpe a Luigi Di Maio se e quando ce ne sarà l'occasione? Difficile anticiparlo, ma è innegabile che almeno una fazione dei pentastellati vuole rivedere il ruolo di Di Maio e le figure chiave che almeno sulla carta hanno i numeri per rinnovare il Movimento si contano sulle dita di una mano. Tra queste ci sono senza dubbio Di Battista e Roberto Fico.

E' un momento di difficoltà. D'altro canto abbiamo appena preso la più grande “scoppola” della nostra vita ma,...

Posted by Alessandro Di Battista on Tuesday, May 28, 2019

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO