Lettera all'UE, Tria denuncia in Procura la divulgazione di atti secretati

Lunedì sarà presentata la denuncia.

Ministro Tria denuncia fuga di notizie su Lettera all'UE

La risposta dell'Unione Europea arriverà solo mercoledì, ma intanto la lettera del ministro dell'Economia Giovanni Tria continua a tenere banco anche per un annuncio che ha fatto il suo ministero e cioè che si procederà con una denuncia per cercare di fare chiarezza sulla fuga di notizie che c'è stata nella giornata di venerdì 31 maggio, quando era trapelata una versione della lettera che prevedeva tagli al welfare, a quota 100, al reddito di cittadinanza e alla sanità e che ha fatto tanto infuriare il MoVimento 5 Stelle. In una nota, infatti, il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha scritto:

"Lunedì il generale Fabrizio Carrarini, vice-capo di gabinetto del ministro e responsabile della sicurezza cibernetica, depositerà alla Procura della Repubblica in nome e per conto del ministro dell'Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, una denuncia per divulgazione di atti secretati e violazione di segreto d'ufficio. La decisione fa seguito alla diffusione a mezzo stampa di una bozza di lettera del ministro in risposta alle richieste di spiegazioni da parte della Commissione europea circa l'evoluzione del debito italiano nel 2018"

Palazzo Chigi venerdì aveva fatto sapere che la lettera ricevuta dal Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per perderne visione prima che venisse inviata all'UE, era diversa da quella che era stata diffusa dalla stampa e aveva anche annunciato che il Premier aveva concordato con il ministro Tria "verifiche anche giudiziali" sui responsabili della fuga di notizie, a causa della gravità della questione, che può avere ricadute negative sui mercati. Ed ecco infatti che lunedì sarà chiamata in causa la Procura per indagare.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO