Trump sposa l'idea dell'hard brexit: "Mandate Farage a negoziare"

Nel corso di un'intervista rilasciata al giornale britannico Sunday Times, alla vigilia della sua visita ufficiale in Gran Bretagna, Donald Trump ha parlato dei negoziati sulla Brexit. Per il tycoon la Gran Bretagna dovrebbe uscire dall'Unione Europea senza siglare alcun accordo, rifiutandosi di pagare i 39 miliardi di sterline che l'Unione Europea ha chiesto allo scopo di tamponare i danni legati all'inaspettata e unilaterale decisione presa oltremanica: "Se fossi in loro non pagherei. Io sono così, non pagherei, è una cifra enorme".

Per Trump la soluzione per risolvere i problemi del governo britannico è chiara; coinvolgere Nigel Farage, leader del Brexit Party, nei negoziati: "Mi piace molto Nigel. Ha molto da offrire. È una persona molto intelligente. Loro (i conservatori) non lo coinvolgono. Avrebbero molto da guadagnare coinvolgendolo. Non l'hanno ancora capito". Il Presidente USA ha poi bocciato la strategia di Theresa May perché, a suo dire, avrebbe lasciato "tutte le carte" in mano a Bruxelles.

Secondo il Presidente statunitense, la Gran Bretagna dovrebbe - non si capisce su quali basi e soprattutto davanti a quale tribunale - "citare in giudizio" l'Unione Europea i cui "errori hanno causato danni enormi". Poi Trump ha promesso che "farà il massimo" per arrivare a siglare un accordo di libero scambio tra il suo Paese e la Gran Bretagna. Un accordo che, così a naso, non sarà molto vantaggioso per gli amici britannici.

La risposta di Sadiq Qhan a Trump

Alle parole di Trump ha replicato il Sindaco di Londra, Sadiq Qhan, che l'ha definito "uno dei chiari esempi di una crescente minaccia globale", accomunandolo ad altri leader europei: "Viktor Orban in Ungheria, Matteo Salvini in Italia, Marine Le Pen in Francia e Nigel Farage qui in Gb usano gli stessi cliché divisivi dei fascisti del ventesimo secolo per guadagnare consenso, ma con nuovi, sinistri metodi per far passare il loro messaggio. E stanno guadagnando terreno e conquistando potere ed influenza in luoghi che sarebbero stati impensabili solo pochi anni fa". Per Khan "l'estrema destra" è "in crescita in tutto il mondo, minacciando i nostri diritti e libertà e i valori che hanno definito le nostre società democratiche e liberali per oltre 70 anni".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO