Centro studi Confindustria: consumi fiacchi, economia galleggia

confindustria economia italiana

Nel secondo trimestre del 2019 l’economia italiana continua a “galleggiare”: i consumi rimangono fiacchi e gli investimenti sono concentrati solo nelle costruzioni. A ciò si deve aggiungere il fatto che i tassi sono troppo alti e il credito è in calo. Sono le indicazioni che emergono dalla congiuntura flash del Centro studi Confindustria, dal quale emerge un Pil italiano ancora debole tra aprile e giugno. Reggono per ora le esportazioni, ma il commercio mondiale va a rilento e le prospettive non sono propriamente rosee, considerato che gli USA rimangono a rischio frenata.

Spulciando ancora nel report degli economisti di via dell'Astronomia, si legge che "preoccupa il basso livello degli ordini industriali domestici, pur risaliti di poco a maggio". "L'indice pmi - continua la relazione - ha recuperato nella manifattura, ma resta in zona contrazione (49,1 in aprile); l'opposto nei servizi (50,4)". Quanto alle vendite, sono risalite dello 0,1% a Marzo, dopo il calo di febbraio, in linea con il rimbalzo delle vendite tedesche.

Il Centro studi Confindustria, aggiunge inoltre come la fiducia delle imprese sia risalita, tornando ai livelli del 2018, mentre la spesa delle famiglie ha registrato un +0,1% nel primo trimestre del 2019, sostenuta anche dall’aumento dell’occupazione nel mese di marzo. Gli indicatori per il secondo trimestre 2019, in definitiva, forniscono segnali misti e i consumi rimarranno fiacchi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO