Salvini: "Se tra 15 giorni non cambia niente, c'è un problema"

"Se tra 15 giorni ci ritroviamo con gli stessi ritardi, rinvii, allora è un problema". Così questa mattina Matteo Salvini ha parlato ai microfoni di Rtl 102.5 commentando quanto accaduto nella giornata di ieri, con riferimento alla conferenza stampa di Conte e all'ennesima lite sullo sblocca cantieri.

"Io non ho nessuna intenzione di fare cadere il governo" perché "credo alla possibilità di cambiamento di questo governo" anche se "nelle ultime settimane ci sono stati bisticci di troppo, io sono pronto per il cdm, giovedì, venerdì, sabato, domenica". Salvini è pronto ad andare avanti, ma solo a patto che adesso sia la Lega a dettare l'agenda: "non tutti si aspettavano risultato clamoroso della Lega, ma in democrazia funziona così, chiedo solo di accelerare. La mia risposta a Conte è sì, basta che ci siano anche tanti sì. Spero che questo sì coinvolga tutti, magari quello di Conte è uno stimolo per lavorare in sintonia, io sono ottimista di natura".

Salvini si è detto pronto ad affrontare il vertice chiesto da Di Maio, ma ha confermato di non voler trattare sui provvedimenti che stanno a cuore alla Lega: "Io il vertice lo faccio oggi, domani, ma le cose da fare sono sul tavolo, sono pronte. Il 'facciamo' noi ce lo abbiamo pronto, il dl sicurezza bis è pronto da settimane, aspetto solo il consiglio dei ministri. Sullo Sblocca cantieri le idee è il paese ad averle chiare, bisogna aprire i cantieri e fermare il codice degli appalti che ha bloccato tutto".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO