Tria boccia i minibot proposti dalla Lega per pagare i debiti della P.A.


Tria boccia i minibot: il ministro dell’Economia dà parere negativo sullo strumento finanziario, già bocciato anche dal presidente della Bce Mario Draghi, proposto dalla Lega per pagare i debiti arretrati delle pubbliche amministrazioni.

"È una cosa nel loro programma: il ministero dell'Economia ha girato un parere negativo" ha detto Tria al G20 finanziario in corso a Fukuoka.

"Penso che in un'interpretazione, quella del debito, non servono. Nell'altra (quella di una valuta alternativa, Ndr) non possono essere fatti" ha aggiunto il ministro ricalcando quanto detto dal numero uno dell’Eurotower e facendo propri anche gli analoghi dubbi di Bankitalia.

Minibot, cosa sono e perchè si parla di Italexit

I minibot sono un surrogato di titolo di Stato. Surrogato perché sono titoli infruttiferi, cartacei e senza scadenza, non assegnati in un’asta del Tesoro con un rendimento deciso dal mercato.

A differenza dei veri titoli di Stato, ormai dematerializzati, i minibot pensati dalla Lega sono del tutto simili anche cromaticamente e come formato alle banconote in euro, motivo per cui è stato lanciato l’allarme su quello che potrebbe essere un primo passo verso l'uscita dell'Italia dalla moneta unica, a maggior ragione dopo che una mozione approvata dalla Camera, e aspramente criticata dal Pd, li ha elevati a strumento per pagare i debiti della pubblica amministrazione.

Il presidente della Bce aveva detto che: "I minibot o sono valuta, e quindi sono illegali, oppure sono debito, e dunque lo stock del debito sale" mentre Confindustria li ha paragonati "ai soldi del Monopoli".

Il presidente della commissione bilancio della camera, il leghista Claudio Borghi, l’esperto di economia del Carroccio, però rilancia: "La risposta formalmente è corretta. So bene che è vietato introdurre monete parallele, sarebbe un disastro. La mia proposta è quella di introdurre uno strumento esigibile per il pagamento di debiti della pubblica amministrazione. Dunque non sarebbe nuovo debito, ma la cartolarizzazione di crediti esistenti. Né più né meno quel che aveva progettato Corrado Passera quando fu ministro del governo Monti".

A La Stampa Borghi conferma di voler trasformare la proposta in legge: "Sta nel contratto di governo. Lo faremo con la legge di bilancio, se riusciremo a realizzare la flat tax eliminando deduzioni e detrazioni, e riconoscendo i crediti di imposta che verranno meno attraverso i minibot".

tria boccia minibot

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO