Vertice economico a Palazzo Chigi, Salvini: "All’UE chiediamo rispetto"

Due poco più di due ore dopo l'avvio del vertice economico a Palazzo Chigi, Matteo Salvini e Giovanni Tria hanno dovuto lasciare il tavolo per impegni già presi in precedenza. I lavori, però, non si sono interrotti e gli altri partecipanti sono ancora riuniti nella sede del governo per discutere di altri temi, a cominciare dal dossier Alitalia.

La parte incentrata sulle possibili soluzioni per evitare la procedura d'infrazione dell'Unione Europea si sarebbe quindi conclusa con un nulla di fatto. Giovanni Tria, uscito da Palazzo Chigi poco dopo le 11.00 per raggiungere l'evento "Obbligati a crescere" organizzato dal Messaggero, ha sottolineato che per quest'anno il deficit non sarà del 2,4% come sostenuto in precedenza, ma scenderà al 2,1% o 2,2% grazie a nuove entrate tributarie e ad una spesa inferiore per il reddito di cittadinanza e la Quota 100 rispetto a quanto messo in cantiere.

Matteo Salvini, invece, ha affidato le sue reazioni ad una diretta su Facebook:

All’Europa chiediamo rispetto per un’Italia che vuole tornare a crescere, costruire e investire. Tagli, tasse, austerità e precarietà hanno impoverito il Paese e fatto esplodere il debito (+ 650 miliardi in dieci anni), noi vogliamo liberare risorse, soldi, energie e lavoro.

All’Europa chiediamo rispetto per un’Italia che vuole tornare a crescere, costruire e investire.
Tagli, tasse, austerità e precarietà hanno impoverito il Paese e fatto esplodere il debito (+ 650 miliardi in dieci anni), noi vogliamo liberare risorse, soldi, energie e lavoro.
GRAZIE a Voi, tutto è possibile.

Posted by Matteo Salvini on Wednesday, June 12, 2019

Pur senza un accordo raggiunto, il vertice odierno avrebbe rappresentato un passo in avanti nella discussione tra i vertici dell'esecutivo gialloverde. Saranno necessari, però, nuovi incontri per delineare una strategia concreta e a prova di attacco, almeno dal punto di vista dell'Italia.

UE, vertice economico in corso a Palazzo Chigi

Palazzo Chigi

È iniziato intorno alle 9.20 di oggi il vertice economico a Palazzo Chigi per delineare la strategia dell'esecutivo di Giuseppe Conte per rispondere all'Unione Europea dopo i primi via libera arrivati alla procedura d'infrazione per debito pubblico nei confronti dell'Italia.

Al vertice stanno partecipando, oltre al premier e ai due vicepremier Matteo Salvini e Luigi Di Maio, anche il ministro dell'Economia Giovanni Tria, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro, i sottosegretari al Mef Laura Castelli e Massimo Garavaglia e il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO