Piazzapulita, puntata 14 gennaio 2013 - La diretta di PolisBlog: Vendola contro Monti


00.16 Si chiude con questa domanda di Belpietro la puntata: "Perché Monti ha detto che è pronto a dimezzare il numero dei parlamentari ma non lo ha fatto finora?"
00.15 La domanda da Facebook: Vendola ha una ricetta per ridurre i costi della politica?

Sono per il dimezzamento del numero dei parlamentari e per il superamento del bicameralismo.

00.10 "Non puoi dire che sei alternativo ma poi chiedi a Bersani 'dammi il piedino'. Striscerete per entrare al governo". Giannino prevede pure che Casini otterrà la Presidenza del Senato.
00.08 Sechi rassicura il governatore pugliese: "Dove c'è Monti non ci sarà Vendola".
00.04 Vendola: "L'Agenda Monti è mediocre". "Monti è sacerdote della religione austerity che nel nome del contenimento del debito pubblico non si ricorda di alzare il pil". Vendola dice che la sua presenza nel governo è alternativa rispetto a quella di Monti.
00.02 Per Vendola, anche Berlusconi come Monti vuole ipotecare la vittoria elettorale del centrosinista, entrandone a far parte. Il pugliese ribadisce che con Casini e Monti è pronto a discutere della riforma della struttura dello Stato. Ma non per il governo del Paese.
23.59 Formigli chiede a Belpietro di porre una domanda a Vendola. Il giornalista chiede al governatore della Puglia come si concilia la sua posizione con quella dei montiani in un possibile governo di centrosinistra.

23.51 La Binetti ammette che l'Udc è una lista complicata, ma meno di tutte le altre. Pubblicità.

23.49 Monti non risponde alle domande di Sortino.

23.47 Il pubblico che ascolta Monti è molto interessato.

23.45 Mieli annuncia: "Voterò Monti".

23.42 Si segue la campagna elettorale di Mario Monti. E si scopre che per comprare il libro di Monti si può pagare solo in contanti. Paradosso!
23.40 Favia annuncia che guadagnerà 2700 euro come parlamentare, qualora fosse eletto. "Il M5S non è un partito, ma un blog che influenza. Ma ha tradito la mission iniziale".
23.40 "Chi ha fatto questa espulsione, dimostra di non amare il Movimento". Poi spiega: "Mi dimetto dal consiglio regionale perché Grillo mi ha espulso dal Movimento".
23.37 Favia sul famoso fuorionda a Piazzapulita: "E' stato un sgambetto, un gioco sporco".
23.35 Favia definisce "macchina del fango" la scelta di Grillo di postare il video.
23.33 Formigli manda in onda il video recuperato oggi da Grillo in cui Favia attacca chi candida al Parlamento personalità direttamente da Roma e critica Di Pietro (che oggi è con Ingroia, come Favia).

23.31 Favia dice di sentirsi sentito da Grillo, di cui "non mi importa più nulla". "Verso di lui ho anche un senso di gratitudine, ma ha tradito la promessa di libertà e di democrazia reale".

23.29 Presente anche Beppe Grillo.

23.26 In fila al Viminale per presentare i simboli dei partiti ci sono tutti: da Marra a Casapound.

23.24 De Gregorio denuncia il fallimento della legge sul rientro dei cervelli voluta dalla Gelmini. Alla fine i soldi non ci sono stati e così i giovani che sono tornati in Italia hanno perso il lavoro all'estero così come non hanno trovato occupazione da noi.
23.19 Per Giannini l'articolo 18 è un problema periferico.
23.14 Spazio ai lavoratori della fabbrica leader mondiale nel settore della ceramica Richard Ginori, fallita ma ancora con tante richieste.

23.11 Brancaccio contesta a Sechi l'idea di aumentare la flessibilità del lavoro. Il candidato montiano sottolinea che il grande problema non è il grande numero di disoccupati ma in particolare la fascia presente nel Sud e tra le donne. Va fatto un piano straordinario per l'occupazione.

23.06 Vendola ricorda i referendum per ripristinare l'articolo 18 come era prima della riforma Fornero. Formigli fa notare che Fassina oggi ha detto che la riforma Fornero non va toccata. Per Sechi (che sostiene Monti) invece va ritoccata.
23.01 Un consulente del lavoro, non sapendo di essere ripreso, consiglia ad un finto imprenditore i metodi per sfruttare i lavoratori precari: quando scade il contratto a progetto non si rinnova, ma si prende un nuovo lavoratore.

22.59 In cerca di un lavoro nei locali romani. Si lavora in nero e sfruttati. Ecco la testimonianza di una cameriera. 30 euro per 11 ore al giorno di lavoro!

22.56 Viene letto un tweet del ministro Barca, che si dice scettico sul fatto che il ceto medio corrisponda a 100mila euro.
22.49 Vendola: "Oggi in Italia non sono assicurati i livelli di assistenza". Pubblicità, poi si parla di lavoro.
22.46 Vendola se la prende con le multinazionali del petrolio.
22.44 Vendola richiama il criterio della progressività. E invita alla lotta culturale contro l'evasione fiscale.

22.39 Giannino: "Perché abbiamo bisogno di 50 sedi diplomatiche? Perché devo pagare i consiglieri regionali più della metà di quanto viene pagato il Presidente degli Usa?"

22.36 "Per diminuire le tasse per i più poveri serve la ridistribuzione della ricchezza". La De Gregoria aggiunge: "Servono le leggi anticorruzione".
22.35 Brancaccio osteggia il pareggio di bilancio:

Nel 2013 nemmeno lo raggiungeremo perché la politica di austerity è anticontraddittoria.

22.30 La proposta Vendola per le aliquote Irpef.

22.23 Berlusconi è credibile quando dice che abbassa le tasse? Belpietro risponde così: "Esattamente quanto è credibile Monti quando dice che vuole abbassare l'Imu". Pubblicità.
22.21 "Berlusconi ha commesso tanti errori". Parola di Belpietro.
22.20 100 mila euro all'anno è ceto medio? Per Belpietro, Formigli e Vendola sì, per il pubblico in studio no.
22.18 Vendola: "L'Imu è un patrimonio sui ceti medi e bassi. E' strano che una mia battuta sui ricchi desta scalpore mentre non fa una tassa sui redditi bassi".

22.15 Sechi auspica di recuperare soldi anche con l'alienazione del patrimonio pubblico. Vendola ricorda come però tale operazione promossa da Tremonti si sia rivelata fallimentare. Poi il leader di Sel torna a ribadire il suo mantra: i cacciabombardieri F35.
22.11 La De Gregorio invita all'unità nazionale e quindi alla solidarietà sociale: "Dobbiamo pensare al noi non all'io".
22.08 La De Gregorio critica Depardieu che ha compiuto un'azione "odiosa" espatriando dalla Francia.
22.06 Il giornalista imputa maggiori responsabilità alla destra per quanto riguarda l'aumento della spesa pubblica. Poi rivela che Pd e lista Monti ha proposto a lui e ad agli quattro suoi uomini di candidarsi.
22.03 Giannino spiega che il segreto bancario esiste nelle Costituzioni di alcuni Paesi europei per evitare l'autoritarismo degli Stati.
22.01 Per Giannino la fuga dalle tasse è iniziata con Tremonti, anche con lo scudo fiscale.
22.00 In Austria, per esempio, esiste il segreto bancario.
21.55 Dove vanno i ricchi? In Slovenia, a 10 km dal confine italiano. Qui c'è un casinò ogni 100 metri.

21.54 Per Vendola c'è da alleviare la pressione fiscale sui ceti medio-bassi.
21.51 Vendola spiega la sua battuta "I ricchi vadano al diavolo"; era riferita alla scelta di Depardieu di espatriare dalla Francia a cause delle tasse alte:

Io sono privo di sentimento di invidia sociale. I ricchi non vanno puniti. La ricchezza va stimolata.

21.49 Formigli rievoca la campagna pubblicitaria dell'Unione contro i ricchi. Poi chiede a Vendola se i ricchi devono avere paura di lui al governo.

21.48 Arrivano in studio gli altri due ospiti: Giannino e Brancaccio.

21.42 Il direttore di Libero ricorda che il centrosinistra non ha cambiato il Porcellum anche quando era al governo.
21.41 Belpietro spiega che Monti punta solo a fare la stampella di Bersani perché non ha nessuna possibilità di governare.

21.37 Mario Monti dixit.

21.36 Per la De Gregorio soprattutto in questo periodo di crisi la politica non si fa solo in tv. "E' tutta da giocare questa campagna elettorale".

21.34 Vendola apprezza il tono usato da Rivoluzione civile nei confronti della sinistra. E sostiene che il Pd ha un pregiudizio nei suoi confronti per via del conflitto dell'ex magistrato con il Presidente Napolitano.
21.32 Vendola vedendo Berlusconi da Santoro ha pensato allo spettacolo replicato Il fantasma dell'opera.
21.30 Inizia il talk, il primo a parlare è Vendola. Il quale spiega che Berlusconi un anno fa lasciò i Palazzi, ma non fece altrettanto il berlusconismo.
21.28 La Campania per Noto è del centrosinistra, la Sicilia anche, pur per un soffio di voti.
21.27 Gli altri partiti.

21.27 Il centrodestra.

21.26 Intenzioni di voto.

21.25 Le ipotesi.

21.21 Si parte con i sondaggi, targati Ipr marketing. In collegamento Antonio Noto per illustrare i numeri, riguardanti soprattutto la Lombardia che potrebbe essere decisiva per il Senato.

21.17 Piazzapulita raccoglie i commenti degli operai di Lumezzane sulla perfomance televisiva di Berlusconi da Santoro. Proprio loro che erano stati i protagonisti di uno dei servizi di Servizio Pubblico.
21.15 Inizia la diretta. Tra gli ospiti di Formigli c'è anche Giovanni Favia, candidato in Rivoluzione Civile.

Questa sera su La 7 a Piazzapulita si torna a parlare di attualità politica: Monti in campo, Berlusconi in rimonta, il ritorno di Grillo e il radicalismo di Vendola: l'Italia rischia un altro pareggio?
Corrado Formigli a partire dalle ore 21.10 - con diretta su PolisBlog - ospita Nichi Vendola, leader di Sel e Governatore della Puglia, Oscar Giannino, fondatore di Fare per Fermare il declino, Mario Sechi, giornalista e candidato di Scelta civica con Monti per l’Italia, Concita De Gregorio, giornalista di Repubblica e l'economista Emiliano Brancaccio.
Il titolo scelto per la puntata di stasera è Zero a zero.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina:

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO