L'Iran annuncia: "Violeremo l'accordo sul nucleare del 2015"

"Entro il 27 giugno la nostra produzione di uranio supererà il limite dei 300 kg"

Il clima di tensione tra Stati Uniti ed Iran è alle stelle in questo momento. Ad accendere la miccia è stato l'episodio avvenuto giovedì scorso nel Golfo dell'Oman, dove due navi petroliere dirette in Giappone sono state attaccate. Il tutto è avvenuto durante l'ultimo giorno di visita in Iran del Premier giapponese Shinzo Abe, presente proprio allo scopo di mediare sul dossier del nucleare tra Stati Uniti ed Iran.

Poco dopo il doppio attacco alle petroliere, gli Stati Uniti hanno accusato l'Iran di aver architettato l'attacco per accendere la tensione. Gli Usa hanno anche presentato una prova video a sostegno della loro tesi accusatoria. Secondo gli statunitensi nel filmato si vedrebbe una pattuglia dei "Guardiani della Rivoluzione" - corpo scelto dell'esercito iraniano - rimuovere una carica non esplosa dallo scafo di una delle petroliere.

La risposta dell'Iran alle accuse degli Stati Uniti è arrivata oggi tramite Behrouz Kamalvandi, portavoce della Agenzia iraniana per l'energia atomica: "Entro il 27 giugno la nostra produzione di uranio supererà il limite di 300 kg". Durante un'intervista televisiva Kamalvandi ha annunciato che il Paese ha "quadruplicato il ritmo" di produzione dell'uranio arricchito "quindi in 10 giorni supereremo il limite consentito di 300 chili". Kamalvandi ha contestualmente lanciato il suo appello all'Unione Europea, invitandola ad intervenire: "C'è ancora tempo... se i Paesi europei agiscono".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO