Elezioni, la "greppia dorata" per i 215 partiti presentati al Viminale

Una mela al giorno toglie il medico di torno, recitava un antico adagio. Vale anche se alla mela si sostituisce un partito? Già, perché visti i simboli presentati al Viminale (215 loghi, e tutti – meno quello del Pd – con stampigliati i nomi dei leader!) in vista delle prossime elezioni politiche del 24-25 febbraio, la domanda è lecita. Non mancano i loghi farlocchi e affini e addirittura rispuntano quelli dei vecchi partiti defunti quali Dc, Msi, Psdi, Pri, Ds, Prc, Udeur, Pli, Verdi, Api ecc., insomma, un bel minestrone rancido e vomitevole.

Nel Belpaese nasce un partito al giorno e c’è la ressa per candidarsi alle elezioni di qualsiasi livello, comunale, provinciale, regionale, europeo, per non parlare degli imboscati nelle cosiddette società partecipate, vere e proprie praterie per foraggiare trombati, amici di cordata e amici degli amici.

Più i partiti e la politica sono in crisi, con la partecipazione della gente ridotta al lumicino, più aumentano i candidati: paradossalmente si può oramai dire che ci sono più candidati che votanti. Non ci facciamo proprio mancare niente, in fatto di anomalie: dalla dittatura fascista ventennale, all’altrettanto ventennale (per ora) partito personale-padronale di Silvio Berlusconi, ai partitini su misura per ogni possibile uso e consumo (impropri). Siamo in Italia, bellezza!

Perché tanti candidati? E’ il richiamo della … greppia: alti compensi e pensioni, senza bisogno (oggi) di particolari livelli di professionalità e impegno: una specie di hobby che porta status, potere, soldi.

Perché tanti partiti? E’ il richiamo della montagna di soldi (pubblici) a disposizione di tutte le forze politiche. Se ogni voto non producesse i circa 5 euro di “rimborso elettorale” e ogni partito dovesse autofinanziarsi certificando ogni entrata e ogni spesa come accade in ogni Paese civile e democratico, i partiti si conterebbero sulle dita di una mano. Sarebbe il deserto. E sarebbe una fortuna, per l’Italia e per gli italiani.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO