Conte sulla procedura: "Situazione difficile"

Il Premier Conte ieri notte, al rientro in hotel al termine del Consiglio Europeo nel quale si è discusso - senza trovare un'intesa - delle nomine della prossima Commissione, non è riuscito a nascondere una certa preoccupazione parlando della procedura d'infrazione che rischia il nostro Paese. Evitare la procedura per deficit eccessivo "è molto difficile" ha ammesso il Premier, che ha assicurato che verranno fatti "tutti gli sforzi possibili".

"Dobbiamo lavorare sull'assestamento, perché è ingiusto che ci venga richiesto altro. È ingiusto". Ha detto anche questo il Premier, che sembrava decisamente più positivo prima del vertice con gli altri leader europei, anche se ha assicurato che "i rapporti sono sempre buoni". Poi ha aggiunto: "abbiamo una Commissione che sta andando via. È una situazione un po' difficile: non è detto che giochi necessariamente a nostro favore".

Nonostante parli di "rapporti buoni", Conte non ha nascosto la sensazione di una certa incomunicabilità sul tema: "È una situazione un po' singolare, un po' strana. Ci sono commissari che stanno andando via. In una logica fisiologica si entra in un periodo bianco, in cui si fa l'ordinaria amministrazione. C'è un certo fair play, per cui non assumi determinazioni che siano di una portata rilevante o addirittura straordinaria: e una procedura non è ordinaria amministrazione. Purtroppo c'è un clima per cui questo fair play non viene compreso".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO